Geronimo Stilton alla scoperta della Costituzione italiana - DIRE.it

Giovani

Geronimo Stilton alla scoperta della Costituzione italiana

ROMA – Presentato oggi in Senato, presso la sala Zuccari di Palazzo Giustiniani, il libro “La Costituzione Italiana raccontata ai Ragazzi” realizzato da Edizioni Piemme e commissionato dall’Autorità garante per l’Infanzia e l’Adolescenza. Protagonista del libro è Geronimo Stilton, il famoso topo-giornalista originario della città di Topazia, che lavorando insieme con Vincenzo Spadafora, il garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, accompagnerà il piccoli lettori alla scoperta dei principi fondamentali della nostra Costituzione ed in particolare dei primi 12 articoli. Un espediente simpatico ed originale ideato per avvicinare le nuove generazioni alle regole del vivere civile e per renderle consapevoli dei diritti e dei doveri che caratterizzano un cittadino in quanto tale, fin dalla propria infanzia. Una presentazione molto speciale svoltasi al cospetto del Presidente del Senato Pietro Grasso, con la partecipazione di Aldo Cazzullo, scrittore e giornalista del Corriere della Sera, di Fabrizio Tamma, una delle voci di Radio Sarai (la radio creata dall’Authority) e di personalità che con il loro lavoro quotidiano hanno dato validità e concretezza ai 12 principi. “Nel 1946,una volta terminata la Seconda Guerra Mondiale, ed istituita la repubblica, occorreva stabilire delle nuove regole in grado di garantire il buon funzionamento dello stato e soprattutto stabilire i diritti ed i doveri di ciascun individuo.I cosiddetti padri costituenti riuscirono in questo atto utopico e diedero vita ad un sistema di principi di idee di comportamenti da applicare ogni giorno – ha affermato il presidente Grasso durante la presentazione – furono tre i principi che portarono alla stesura della Costituzione, Utopia, Ambizione e Responsabilità e questi stessi devono essere i valori che guideranno voi giovani alla creazione del vostro futuro”.

P. Grasso

“Abbiamo voluto mettere al centro il senso del vivere comune. Il perchè delle regole. La necessità del rispetto reciproco. El’importanza che i diritti sanciti dalla stessa Costituzione siano sempre garantiti e a tutti”, ha inoltre spiegato Vincenzo Spadafora che ha previsto di distribuire gratuitamente il libro a scuole, ospedali, associazioni, biblioteche. Non è la prima volta che il Garante e Stilton collaborano alla mercè di un obiettivo comune: nel 2013 è infatti stato realizzato ‘Che avventura stratopica, Stilton! Alla scoperta dei diritti dei ragazzi’, un progetto il cui fine era quello di illustrare la Convenzione Onu sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, ai ragazzi. Spadafora ha inoltre concluso affermando: “Si parla spesso della mancanza del senso dello Stato, del bisogno di diffondere il senso di appartenenza ad un corpo unico,da curare e difendere. Noi con questo libricino, vogliamo contribuire a far crescere persone responsabili e consapevoli. Buoni cittadini”.

GRASSO: “INIZIATIVA ECCEZIONALE” –  “Un’iniziativa eccezionale. Emozionante. Coinvolgente. Ho letto con attenzione questo volumetto della Costituzione presentata attraverso il topo Geronimo Stilton e devo dire che questo è il modo migliore per comunicare ai ragazzi quali siano i loro diritti ed i loro doveri” ha affermato il presidente del Senato Pietro Grasso, a margine della presentazione del libro. “La seconda parte dell’articolo 3 della costituzione, è un principio che ancora deve prendere piede ed essere attuato.Le istituzioni devono ancora rimuovere gli ostacoli per garantire l’uguaglianza di tutti i cittadini. Tutti devono avere diritto allo studio, al lavoro e diritto ad esprimere le proprie opinioni”, ha continuato il presidente del Senato. Che ha poi concluso: “il senso della nostra Costituzione è quello di darci le regole per la vita nella comunita. Se dovessi racchiudere il suo significato in una parola, questa sarebbe: democrazia”.

11 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»