AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE campania

Shipping and the Law. A Napoli gli scenari internazionali del commercio marittimo

Shipping and the LawNAPOLI – Parte oggi, giovedì 12 ottobre, alle 9.30, l’VIII edizione di Shipping and the Law che quest’anno porta in primo piano la discussione sugli scenari del commercio marittimo mondiale, stretto tra la crisi del credito, il neo-protezionismo, l’allarme sicurezza e la necessità di investimenti per rispettare le nuove norme sulle emissioni di Co2. A discuterne al Teatrino di Corte di Palazzo Reale, in Piazza del Plebiscito, saranno i vertici del settore a cominciare da Mario Mattioli che proprio oggi è ufficialmente entrato in carica come nuovo presidente di Confitarma. Con lui ci sarà il suo predecessore Emanuele Grimaldi, ma anche il presidente dell’International Chamber of Shipping, l’organizzazione mondiale degli armatori, Esben Poulsson, il numero uno dell’associazione degli armatori europei Panos Laskaridis.

Diversi i temi in programma nella due giorni napoletana dedicata al trasporto marittimo. In particolare, tra gli argomenti, “Le minacce e le opportunità per gli armatori europei in relazione alla crescita della potenza marittima della Cuna e degli altri Paesi dell’Estremo Oriente” e “Come il mondo del commercio marittimo deve fare i conti con il riscaldamento globale?”.  Nella seconda giornata spicca la sessione “Better Vessels for a Better world” in cui Lorenzo Matacena di Caronte & Tourist parlerà delle nuove norme ambientali che entreranno in vigore a livello internazionale nel triennio 2018-2020 e dei progetti di propulsione a gas, tema quest’ultimo che sara’ ripreso da Volkmar Galke della svizzera WinDG.

MASSIME CARICHE ARMAMENTO MONDIALE A NAPOLI PER SHIPPING AND THE LAW

La Dire ha incontrato l’avvocato marittimista Francesco S. Lauro, organizzatore della manifestazione. “Mattioli –  da oggi in carica come presidente di Confitarma saprà portare avanti il suo lavoro nel segno della continuità” – commenta l’avvocato Lauro “è alla testa di un gruppo importante che è saputo uscire fuori dalla crisi che coinvolge il settore e saprà guidare una grande opera di ristrutturazione dei gruppi armatoriali”. Con il vertice di Confitarma, a Shipping and the Law ci sarà anche il numero uno Dell’International Chamber of Shipping Esben Poulsson e il presidente dell’associazione degli armatori europei Panos Laskaridis.

A TURBOLENZE POLITICHE ECONOMIA RISPONDA CON REGOLE UNIVERSALI

Per un’economia “sempre più influenzata dalla politica, e viceversa” è necessario “analizzare il contesto e gli scenari futuri in cui vincere la sfida della crescita”, sottolinea ancora  Francesco Saverio Laurio.  “Io spero che questa nuova stagione protezionistica non avanzi, nonostante l’avvento di Trump – ragiona Lauro – e su Brexit, è fondamentale mantenere l’integrazione del Regno Unito nel Mercato Unico Europeo”.

Turbolenze a cui l’economia deve rispondere attraverso forme di governo internazionale “e cioè per quanto riguarda il mercato marittimo occorre una regolamentazione uniforme a livello internazionale, decise e concordate a livello internazionale. Un singolo Paese – sottolinea Lauro – che vuole anticipare troppo determinate misure rischia di essere tagliato fuori dal quadro competitivo internazionale. E questo vale anche per l’Europa”.

TRASPORTO VIA MARE È IL PIÙ SOSTENIBILE

“Diversamente da come si ritiene, troppo superficialmente, il trasporto marittimo non è un problema da tenere sotto controllo ma può essere una soluzione al problema”. Cosa può fare il commercio marittimo contro l’emergenza del riscaldamento globale? La risposta sarà data da rappresentati del mondo dell’ambientalismo, a confronto con i vertici dell’armamento mondiale. “Una dialettica serrata, che deve esserci, e alla quale parteciperà – conferma Lauro – anche l’autrice della legge britannica sul riscaldamento climatico e membro della Camera dei Lord baronessa Bryony Worthington.

Ricordiamoci sempre che nel mondo marittimo si stanno imponendo regolamentazioni sempre più rispettose e sostenibili”. In questo quadro, un’Italia ancora poco avanguardista potrebbe guardagnarsi un ruolo di leader “se si imponesse come Paese ispiratore di innovazioni tecnologiche – continua l’avvocato marittimista – e best practise rispettose dell’ambiente, che ci sono e vanno valorizzate”.

PER NAPOLI SI È APERTA STAGIONE DI CRESCITA

“Il porto di Napoli può crescere, c’è ancora tanto da fare ma la nuova dirigenza ha ripreso slancio”. La crescita del porto di Napoli sarà uno dei temi al centro della due giorni Shipping and the Law.  “Con la presidenza di Spirito – commenta Lauro – credo si sia aperta una nuova stagione per Napoli, una stagione di rilancio. Non parliamo di volumi immensi ma questa città ha una naturale vocazione portuale. C’è bisogno di progetti nuovi ma anche di concludere cose che sono in cantiere da 20 anni”.

11 ottobre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988