Sanità

Ultime novità in campo andrologico al 42esimo congresso SIA

ROMA – Tre corsi Ecm, tavole rotonde, numerose relazioni, sessioni video e confronti fra professionisti di tutta Italia, ma anche il progetto per la certificazione andrologica dedicata a coloro che hanno partecipato ai corsi residenziali a Milano, Roma e Catania, che si concluderà con un esame finale per il riconoscimento della Certificazione di Andrologo della Società italiana di andrologia.

Di questi e di molti altri temi si sta occupando il 42esimo congresso della SIA organizzato allo Sheraton Parco de Medici di Roma, dal 10 al 12 maggio, inaugurato venerdì dai presidenti del congresso: Giuseppe La Pera, Gianni Paulis e dal presidente SIA Alessandro Palmieri, alla presenza della consigliera regionale Michela Di Biase che ha confermato la volontà della Regione Lazio di trasformare in legge la proposta di creazione di strutture uro andrologiche nelle principali strutture ospedaliere del territorio.

Una tre giorni dedicata non solo all’aggiornamento professionale, ma anche ai giovani andrologi che, in apertura del Congresso, hanno la possibilità di partecipare ai corsi a numero chiuso, accreditati presso il Ministero della Salute, utili per approfondire tematiche di particolare interesse andrologico: dall’interpretazione clinica dello spermiogramma al test di funzionalità dello spermatozoo passando per le nuove tecniche della microchirurgia robotica in andrologia chirurgica. Attenzione ai giovani confermata anche dallo spazio esclusivamente dedicato e gestito dai giovani andrologi e dalle sezioni regionali-SIA.

“Un programma congressuale ricco e omnicomprensivo che siamo sicuri riscuoterà un grande successo- ha dichiarato Giuseppe La Pera- Fra i numerosi tavoli tematici vorrei sottolineare quello che riguarda l’incidenza che i bassi livelli di testosterone hanno nell’aumentare il valore predittivo della disfunzione endoteliale per futuri eventi cardiovascolari. Senza dimenticare l’illustrazione dei dati sull’uso della collagenasi per la cura dell’Induratio Penis Plastica, più di 300 casi, trattati dai centri di Torino, Catania e Firenze che mostrano una buona sicurezza del farmaco e un’ottima efficacia con un recupero della curvatura di 20 gradi”.

E ancora: “Presentato anche il test predittivo sull’efficacia del trattamento sui pazienti, i parametri che si considerano in questa analisi multivariata sono: la durata della malattia, la presenza o meno della calcificazione della placca, la localizzazione della placca e l’ampiezza dell’angolo di deviazione”.

Quest’anno in occasione dei 20 anni dalla commercializzazione della pillola blu, usata nel tempo da 66 milioni di uomini, è stata organizzata una tavola rotonda per presentare un ‘album dei ricordi’ ed una relazione dedicata agli aspetti socio culturali relativi. Non solo corsi per l’aggiornamento professionale, ma anche focus sulla ginecomastia, sulle fake news e spazi dedicati ai temi psico sessuologici e alla terapia della Induratio Penis Plastica sia medica che chirurgica, oltre a due temi di grande interesse come quello della prevenzione andrologica e dei fattori ambientali che condizionano la qualità del liquido seminale. La Commissione scientifica ha voluto dare uno spazio congressuale anche alla responsabilità civile professionale medica e gli aspetti assicurativi collegati alla recente nuova legislazione della legge Gelli e al tema degli abusi sessuali con i suoi aspetti clinici e giurisprudenziali.

“Il viaggio della Sia- ha dichiarato Alessandro Palmieri, presidente Sia- giunge ad un momento di sintesi durante il Congresso Nazionale che rappresenta una preziosa opportunità di incontro con tutti gli amici e soci della SIA, un luogo di scambio di idee e di confronto delle varie esperienze, un’occasione di crescita e di aggiornamento scientifico che si rinnova di anno in anno”.

Un momento per fare il punto sulle tecniche e le ultime scoperte in campo andrologico, ma anche un momento di crescita per i giovani andrologi. Domani ultimo giorno di congresso, ma è già in calendario il prossimo appuntamento, a Bari, nel 2019 dal 23 al 25 maggio.

11 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»