Il Papa a Prato sprona contro “il cancro dello sfruttamento e il veleno dell’illegalità”

PRATO – “La sacralità di ogni essere umano richiede per ognuno rispetto, accoglienza e un lavoro degno“. Su piazza del Duomo, gremita come nessun altro scorcio di Prato, il Pontefice sa di non poter stabilire un migliore collegamento sentimentale fra sé e la città. E il pubblico, i pratesi, rispondono con un applauso e uno sventolio di bandierine gialle e bianche, le migliaia di insegne vaticane distribuite alle prime avvisaglie del mattino. È in questo frangente che il Pontefice diffonde il messaggio chiave della mattinata, una censura dello sfruttamento della manodopera partendo dalla memoria del rogo di via Toscana del dicembre 2013: “Mi permetto di ricordare i 5 uomini e le 2 donne morti due anni fa a causa di un incendio della zona industriale di Prato– afferma-. Dormivano all’interno dello stesso capannone, nel quale hanno ricevuto un piccolo dormitorio di cartone e di cartongesso per sfruttare l’altezza della struttura”. Un episodio che Papa Francesco definisce “la tragedia dello sfruttamento e delle condizioni inumane e questo non è lavoro degno. La vita di ogni comunità- aggiunge- esige che si combattano fino in fondo il cancro della corruzione, il cancro dello sfruttamento e il veleno dell’illegalità. Dentro di noi e insieme agli altri, non stanchiamoci mai di lottare per la verità”.

L’altro contenuto di attualità del discorso che scandisce Bergoglio dal Pulpito di Donatello della cattedrale del Duomo di Prato è un ringraziamento alla comunità per l’opera infaticabile di integrazione culturale e di accoglienza, caratterizzata oggi anche dal flusso di profughi che fuggono dalla guerra in Siria: “Vi ringrazio per gli sforzi costanti che la vostra comunità attua per integrare ciascuna persona, contrastando la cultura dell’indifferenza e dello scarto- evidenzia-. In tempi segnati da incertezze e paure, sono lodevoli le vostre iniziative a sostegno dei più deboli e delle famiglie, che vi impegnate anche ad adottare. Mentre vi adoperate nella ricerca delle migliori possibilità concrete di inclusione, non scoraggiatevi di fronte alle difficoltà. Non rassegnatevi davanti a quelle che sembrano difficili situazioni di convivenza; siate sempre animati dal desiderio di stabilire dei veri e propri patti di prossimità”. Due riferimenti non scontati da parte del capo della Chiesa a Prato. Ancor più significativo è il “grazie” col quale chiosa la veglia di preghiera che ha accompagnato il suo arrivo da parte dei giovani della Diocesi nella chiesa di San Francesco, a meno di duecento metri dalla cattedrale. L’intensità emotiva, del resto, è probabilmente il dato più denso del passaggio di Francesco. Più della fredda contabilità dei presenti, che può essere stimata in circa 10 mila persone fra l’afflusso nella piazza del Duomo e le ali di folla che accompagnano il corteo dal Lungobisenzio, a fare la differenza è stata la capacità inedita di vivere la vigilia da parte dei fedeli, in strada fin dalla notte.

di Carlandrea Adam PoliGiornalista

10 Nov 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»