AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Arriva al Colosseo la nuova Casa dell’acqua targata Acea – FOTO

ROMA – Arriva davanti al Colosseo la nuova ‘Casa dell’acqua’ targata Acea, l’erogatore automatico e gratuito dell’acqua. Il nuovo distributore, a forma di edicola, è stato posto davanti alla stazione della metro B e inaugurato questa mattina dal primo cittadino di Roma, Ignazio Marino, dall’assessore ai Lavori Pubblici, Maurizio Pucci, dal sovrintendente all’area archeologica centrale Francesco Prosperetti, dal presidente di Acea, Catia Tomasetti, dall’Ad, Alberto Irace, e dal presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi.

La nuova ‘Casa dell’acqua’, le cui istruzioni d’uso sono in italiano e inglese, erogherà la stessa acqua che arriva anche nelle case dei cittadini, senza trattamenti, sia naturale che leggermente frizzante. “È la decima di 100 esemplari che saranno installate in tutta Roma e in provincia- ha spiegato Irace- prima di questa ne abbiamo messe 9 in periferia. Entro il 2016 saranno tutte installate mentre le prossime le metteremo vicino al Vaticano”, nello specifico a Castel Sant’Angelo, e alle fermate della metro A Cipro e Ottaviano, oltre che alla stazione San Pietro.

Abbiamo stimato che il risparmio di acqua, grazie a queste casette, sarà pari al numero delle bottigliette d’acqua che potrebbero riempire il Colosseo– ha aggiunto Tomasetti- ma è una stima prudente perché probabilmente arriviamo a due Colossei. La forma del nuovo erogatore poi è rispettosa del monumento che è alle sue spalle. Questa casina per noi vuol dire quindi accoglienza, perché chi viene trova acqua buona e gratuita, e rispetto, per la nostra storia prima di tutto”.

“L’operazione- ha detto poi Marino- costa 3 milioni di euro che saranno pagati tutti da Acea. Ora, in vista del Giubileo, ci concentreremo sulle parti centrali della città. Il nuovo disegno della casetta dipende anche dal fatto che con la pedonalizzazione dell’area centrale vogliamo rendere sempre più bella questa zona. E sono sicuro che i cittadini la rispetteranno”. La casetta, gli ha fatto eco Pucci, prosegue l’opera di ripristino del decoro nella zona archeologica centrale iniziata con lo spostamento dei camion bar”. Alfonsi e Prosperetti, infine, hanno ricordato come la nuova ‘Casa dell’acqua’ possa anche servire come deterrente dei venditori illegali di acqua. “È il modo migliore per controllare il mercato degli abusivi: qui l’acqua c’è ed è gratis” ha detto il presidente del I Municipio mentre il sovrintendente ha aggiunto che “questa iniziativa fornisce una diversa soluzione istituzionale al problema risolto alla romana con il fai da te”.

10 settembre 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988