Alba Service. Caroppo (Fi): "Salvare 30 dipendenti con fondi assistenza" - DIRE.it

Puglia

Alba Service. Caroppo (Fi): “Salvare 30 dipendenti con fondi assistenza”

consiglio_regionale13BARI – “I dipendenti dell’Alba Service, la società partecipata dalla Provincia di Lecce, stanno vivendo un momento drammatico. Ebbene, abbiamo una proposta concreta per dare una risposta alle 30 dipendenti della società che svolgono da decenni mansioni di assistenza scolastica nelle scuole superiori: nel bilancio di previsione 2016, infatti, sono stati destinati ben 6 milioni di euro nel capitolo n.785020 per l’assistenza scolastica ed extrascolastica ai disabili. Ebbene, le 30 dipendenti, competenti e specializzate, ben potrebbero essere utilizzate dalla Regione, continuando a svolgere il loro lavoro nel territorio provinciale di Lecce”. Lo dichiara il presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia, Andrea Caroppo.

   “La competenza in materia di assistenza sociale – aggiunge – dopo la riforma sul riordino delle funzioni tra Regione e Province, spetta proprio all’ente regionale. Ergo, non è pensabile che si assuma altro personale, quando ci sono 30 unità formate che resterebbero senza lavoro. I soldi ci sono, basta operare con un intervento normativo in questa direzione, al pari di quanto avvenuto, per fortuna, per le polizie provinciali per le quali ho avuto il piacere di dare il mio contributo”.

“Per questo, ho chiesto un’audizione in III Commissione degli assessori al welfare e al personale, Negro e Nunziante: sottoporrò immediatamente alla loro attenzione questa proposta e verificherò la volontà di condividerla. Per gli altri dipendenti dobbiamo ancora valutare strade alternative, giacché le competenze dei loro settori restano in capo alle Province e non abbiamo intenzione di fare demagogia sul futuro occupazionale dei cittadini. Con serietà – conclude Caroppo – avanziamo una proposta fattibile e concreta, che ci auguriamo incontri la disponibilità della Giunta regionale”.

10 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»