Accordo tra Regione Lazio e Università Sapienza sui Policlinici

Policlinico umberto I ospedale pronto soccorso

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e il rettore dell’università La Sapienza di Roma, Eugenio Gaudio, hanno siglato un protocollo d’intesa, il primo dall’entrata in vigore del Piano di rientro, che definisce concretamente il ‘perimetro’ dell’integrazione tra il sistema sanitario regionale e le strutture sanitarie dell’ateneo: policlinico Umberto I, ospedale Sant’Andrea e Asl di Latina per le unità a direzione universitaria. L’ultimo accordo fu sottoscritto il 3 agosto del 2002. Secondo il protocollo entro 60 giorni dal decreto del commissario che recepisce il protocollo, dovranno essere approvati gli atti aziendali. Per quanto riguarda la programmazione economico-finanziaria gli atti aziendali, stabiliranno i ruoli tra la Regione Lazio e l’università La Sapienza che insieme concorrono al sostegno economico-finanziario delle attività svolte dalle singole aziende.

La gestione economico-finanziaria e patrimoniale dell’Azienda ospedaliero-universitaria si uniforma così alle modalità regionali in quanto a monitoraggio della spesa, rispetto di decreti commissariali, determine dirigenziali e circolari. Una Commissione ad hoc entro sei messi dall’entrata in vigore del protocollo dovrà elaborare una proposta risolutiva sulla ripartizione delle spese per servizi sanitari e personale, tra la Regione e l’università, da sottoporre ai ministeri competenti, mentre per quel che riguarda la ripartizione delle spese di funzionamento (elettricita’, utenze etc) la proposta della commissione dovrà essere elaborata entro quattro mesi. Per quanto riguarda la gestione del personale l’orario di lavoro di professori e ricercatori è pari a quello degli altri sanitari e dirigenti del sistema sanitario regionale: 38 ore settimanali e di queste, 28 dovranno essere destinate all’assistenza.

10 Febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»