San Marino

Siglata intesa con Ue su scambio automatico informazioni finanziarie

SAN MARINO – Firmato a Bruxelles l’Accordo tra Ue e San Marino sullo scambio automatico delle informazioni finanziarie. A sottoscriverlo ieri, per il governo della Repubblica di San Marino, è l’ambasciatore Antonella Benedettini. Come spiega una nota di Palazzo Begni, si tratta del “protocollo di modifica dell’accordo tra San Marino e Comunità Europea che stabilisce misure equivalenti a quelle definite nella direttiva 2003/48/CE in materia di tassazione dei redditi da risparmio sotto forma di pagamenti di interessi, conosciuto come euro ritenuta”. La direttiva citata è stata abrogata la scorsa settimana dalla Ue, la nuova intesa per la modifica del protocollo, il cui negoziato si è concluso dopo l’estate, prende il titolo di “Accordo tra Ue e San Marino sullo scambio automatico delle informazioni finanziarie per migliorare l’adempimento fiscale internazionale”.

Dopo la firma dell’Accordo intergovernativo Fatca con gli Usa e la firma dell’Accordo in ambito Ocse per la cooperazione amministrativa in materia fiscale, firmata nel 2013, San Marino firma quindi l’ultimo degli accordi internazionali per lo scambio automatico delle informazioni sulla base dello standard comune Crs.

Soldi“Il Consiglio Grande e Generale- prosegue la nota- nell’ultima seduta tenutasi nel mese di novembre, con l’adozione della Legge 27 novembre 2015 n. 174 ha recepito all’intero del proprio ordinamento gli accordi sopra citati, demandando ad alcuni atti di secondo livello la regolamentazione applicativa, che verrà emanata entro la fine di quest’anno”. In sede di firma, l’ambasciatore Benedettini ha sottolineato come San Marino faccia inequivocabilmente parte dei paesi cooperativi e virtuosi in materia di cooperazione fiscale e come questo risultato sia frutto di un impegno costante e profondo della autorità e dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni.

9 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»