Funziona il ‘colpo su colpo’ del M5S, Zingaretti arriverà terzo

L'editoriale di Nico Perrone, direttore dell'Agenzia Dire, per #DireOggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sì, sì, vediamo anche noi i sondaggi che i Dem fanno girare… ma i nostri numeri sono diversi. La nostra campagna ‘colpo su colpo’ contro la Lega di Salvini (così battezzata dentro il M5S) sta dando buoni risultati. Il Movimento sta crescendo, il Pd di Zingaretti alle Europee arriverà dietro di noi”. L’uomo ‘Cinquestelle’ che parla alla Dire è sicuro, l’avversario principale del confronto-scontro resta il Capitano della Lega, Matteo Salvini.

Per altri, Salvini e Di Maio, di fatto, si sarebbero divisi i compiti, e la parte che recitano punta a tranquillizzare e dare risposte ai rispettivi elettorati. Proprio per questo dentro al Def, il Documento di economia e finanza che verrà licenziato dal Governo, ci sarà di tutto.

“Gli ultimi dati- spiega la fonte del M5S- ci dicono che il Pil è in ripresa, con quota 100, reddito di cittadinanza che sta riscuotendo consensi, sblocca cantieri, la quadra trovata per il rimborso al 90% dei truffati dalle banche, tutte queste cose saranno importanti, parleremo solo di questo e ci aspettiamo buoni risultati, anche elettorali”.

Per quanto riguarda invece i temi di scontro, oggi la proposta di legge del leghista Pillon, sull’affido condiviso, osteggiata dalle opposizioni e che anche per il M5S non sarebbe mai arrivata all’esame del Parlamento, è stata invece incardinata nella commissione Giustizia del Senato.

Che cosa succede? “Pillon per il M5S- risponde la fonte- è un nome ormai impresentabile. In quella proposta ci sono cose che condividiamo, affido condiviso, più diritti per i padri… ma ormai Pillon per noi è bollato, e una proposta di legge sul tema non porterà il suo nome, noi una legge Pillon non la voteremo mai”. Avanti con il ‘colpo su colpo’ in attesa del voto del 26 maggio.

LEGGI DIREOGGI | EDIZIONE DEL 9 APRILE

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»