Emilia Romagna

Animali, la Polizia stradale trova 26 cuccioli stipati in un furgone. Due denunciati

BOLOGNA – Viaggiavano con cuccioli piccolissimi stipati in una gabbia nel retro del furgone, senza microchip e senza autorizzazione. Per questi ieri due cittadini campani intercettati dalla Polizia stradale lungo l’A1 all’altezza di Pian del Voglio, in provincia di Bologna, sono stati denunciati. E i cuccioli ‘salvati’ dagli agenti della Polizia stradale che li ha accompagnati al canile di Riccione. 

Il controllo è stato effettuato nella tarda mattinata di ieri, nei pressi di Barberino del Mugello: due pattuglie della Polizia stradale hanno fermato un autocarro Fiat Doblò con a bordo due cittadini italiani di origine campana diretti verso il sud Italia. Dal retro del furgone sono saltati fuori 26 cuccioli di cane di varie razze, tutti trasportati in condizioni precarie d’igiene e senza alcuna attenzione al benessere degli animali.

Dai successivi accertamenti effettuati in collaborazione con i veterinari dell’Asl di Bologna è emerso che i cuccioli, tutti di età inferiore a due mesi, viaggiavano senza rispettare la normativa che regola il trasporto su strada degli animali.

In particolare, i cuccioli erano trasportati in un’unica gabbia di ferro non idonea al trasporto di animali ed in mancanza del prescritto microchip identificativo nonché della documentazione di provenienza. Dopo aver avvisato la Procura, si è proceduto al sequestro degli animali che venivano trasportati ed affidati in custodia al canile comunale di Riccione (in provincia di Rimini).

I due cittadini campani controllati in autostrada, di 63 e 40 anni, sono stati denunciati in stato di libertà per maltrattamento e abbandono di animali, oltre che per traffico illecito di animali di compagnia.

Alcuni cuccioli, in considerazione della tenerissima età, mostravano già alcuni segni di sofferenza dovuti alle disagevoli condizioni di viaggio.

9 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»