Cannabis, ne serve di più per le cure. Governo: “Ecco come faremo”

Il progetto per la produzione di cannabis terapeutica sta riscontrando un successo crescente con un fabbisogno che raggiungerà in Italia quest'anno i 700 chilogrammi e supererà i mille nel 2020
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Entro la fine dell’anno lo stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze produrrà e registrerà all’Aifa l’estratto oleoso titolato della cannabis per usi terapeutici. Per rispondere al sempre crescente fabbisogno, inoltre, l’istituto chimico farmaceutico sta sviluppando delle partnership con aziende private e potrà continuare a importare, almeno nell’immediato, cannabis dall’estero. È quanto fa sapere il sottosegretario al ministero della Difesa, Angelo Tofalo, rispondendo a un’interrogazione del deputato Filippo Gallinella del Movimento 5 Stelle.

Leggi anche: Cannabis, la svolta dell’Oms: “Rimuoverla dall’elenco delle sostanze più pericolose”

Il progetto per la produzione di cannabis terapeutica sta riscontrando un successo crescente con un fabbisogno che raggiungerà in Italia quest’anno i 700 chilogrammi e supererà i mille nel 2020. La produzione dello stabilimento si ferma a 300 chili. È previsto un aumento della capacità produttiva, ma non sufficiente a coprire l’intera domanda. A fronte di questo problema “ritenendo di dover agire per tempo- spiega il sottosegretario- è iniziato il percorso di collaborazione con le aziende private in possesso dei requisiti per incrementare la coltivazione e la produzione farmaceutica”. Lo stabilimento fiorentino in questa logica continuerà ad avere una partecipazione diretta alle attività produttive con le proprie risorse, “mantenendo il fondamentale ruolo istituzionale del controllo, a garanzia della qualità della fase produttiva e del prodotto finito”.

Leggi anche: Cannabis terapeutica: la Giamaica studia da leader

Gli eventuali accordi che deriveranno con i privati per salvaguardare il ‘know-how’ dell’istituto dovranno contenere delle clausole di riservatezza, “tese ad evitare- specifica Tofalo- l’acquisizione e il possibile sfruttamento da parte del privato” delle conoscenze e dei prodotti sviluppati. Così facendo già nel breve e medio periodo il governo conta di mettere in condizione l’istituto fiorentino di colmare l’intero fabbisogno italiano, facendolo “diventare a sua volta esportatore di cannabis medica, generando anche nuovi posti di lavoro nel nostro Paese”. 

Entro la fine dell’anno dovrebbe, poi, arrivare la registrazione all’agenzia del farmaco dell’estratto oleoso titolato, che verrà distribuito nelle farmacie. Cresce il potenziale produttivo e al contempo viene irrobustita l’organizzazione dello stabilimento. A dicembre sono stati assunti un assistente tecnico-chimico-fisico e un assistente sanitario. Col piano triennale del fabbisogno del personale arriveranno due funzionari e 8 assistenti quest’anno, un funzionario e 12 assistenti nel 2020 e altri 32 assistenti nel 2021.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

8 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»