AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Terracina, la Coca Cola e l’ironia di Mentana. Procaccini: sottovaluta e non conosce il posto


LATINA (da www.latinaquotidiano.it) – La notizia l’ha data praticamente Enrico Mentana, prima sembrava non se ne fosse accorto nessuno. Terracina è stata inserita tra le mete per un viaggio offerto da Coca Cola. Lo ha detto a modo suo il direttore del Tg La7: foto su Instagram, bottiglia di Coca Cola alla mano e sull’etichetta si legge “Vinci un viaggio con Coca Cola a Terracina”. “Promozioni da Nababbi”, questo il post a coredo della foto.

Il web si è scatenato. Che ci fa Terracina inserita accanto ad altre destinazioni come Mykonos, Capo Verde o Miami? Qualche commento suona più o meno così: “Perché devo vincere un viaggio a Terracina quando ci posso andare da solo in un qualunque weekend?” Le cose non stanno propriamente così. Intanto il concorso prevede che il partecipante scelga la meta, e c’è un’estrazione ogni meta. I viaggi sono divisi tra Italia, Europa, Mondo, a loro volta le mete sono divise in destinazioni “famiglia” e “teen”. Terracina è inserita nel pacchetto Italia Teen insieme a San Teodoro, Gallipoli, Riccione, Cefalù e Palinuro. Dunque, queste e non Mykonos o Miami fanno concorrenza a Terracina. E Terracina ha poco da invidiare alle mete su citate, perché, come dice la stessa Coca Cola “è una una delle località balneari più conosciute del litorale laziale, ricca di monumenti di interesse storico e archeologico”.

“L’idea che nel deserto del Sahara, piuttosto che al Polo Nord, o in un ristorante di New York qualcuno possa prendere una Coca Cola con scritto Terracina mi fa impressione, e mi rende orgoglioso”, così il sindaco Nicola Procaccini contattato per commentare la vicenda. “È un veicolo di promozione, probabilmente il più efficace. Non esiste veicolo più diffuso sul pianeta terra delle bottigliette della Coca Cola. È il premio di uno sforzo iniziato nel 2011 con il dissesto finanziario, e a distanza di sei anni Terracina ha scalato tutte le classifiche possibili”, aggiunge Procaccini.

E sul post di Mentana, Procaccini è chiaro: “Onestamente non ci ho visto un insulto alla città, ci ho visto una sottovalutazione del fenomeno Terracina, perché Terracina sta diventando probabilmente un caso nazionale e internazionale come ci dice la vicenda Coca Cola che ha inserito Terracina tra le 140 mete più ambite al mondo, e di certo nessuno è in grado di influenzare Coca Cola nelle sue determinazioni. Quello che rilevo invece è una sottovalutazione e una scarsa conoscenza del posto. Probabilmente sono proprio quelli più vicini a Terracina, proprio i romani come Mentana, che conoscono meno Terracina rispetto agli stranieri di mezzo mondo. Paradossalmente il ragionamento di Mentana, visibile dai commenti, è ‘come dire a uno di Rio di andare a Copa Cabana’. Il punto è proprio quello: Terracina è più conosciuta e amata da chi viene da lontano rispetto a chi sta vicino, forse per una visione vecchia di Terracina, che ha attraversato momenti difficili in termini di turismo, qualità del mare, movida. Oggi Terracina, nel tratto tra Roma e Napoli, è la città che ha il più alto numero di turisti, che spesso vengono dal nord Europa o dagli Stati Uniti e quindi è ormai a pieno titolo una capitale del turismo internazionale. Quindi concludo con un invito al direttore Mentana a verificare di persona che cosa è diventata Terracina in questi anni e forse comprenderebbe perché la Coca Cola ha inserito Terracina tra le città più ambite al mondo per una vacanza, soprattutto se dedicata ai giovani”.

07 agosto 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988