Sanremo, nessuna scimmia sul palco. Ma la star è la ballerina 83enne de Lo Stato sociale

BOLOGNA – Se avete visto Sanremo, ieri sera, non potete non averla notata e non potete non avere davanti agli occhi le immagini del suo ballo scatenato: Paddy Jones, la ‘nonnina’ di 83 anni portata sul palco dell’Ariston da Lo Stato sociale è già una ‘star’ del festival di Sanremo 2018. E’ nata nel 1934, è inglese e ieri sera si è esibita sul palco con il gruppo bolognese insieme al suo compagno di danza fisso (ma ben più giovane) che si chiama Nico. I due sono un coppia non nuova alla televisione, visto che nel 2009 hanno vinto il talent Tu sì que vales in Spagna. E hanno partecipato anche alla versione inglese.

Ieri sera, durante l’esibizione de Lo Stato sociale, a un certo punto tutti gli occhi sono stati per lei, proprio come era accaduto l’anno scorso con la scimmia di Francesco Gabbani. In tanti l’hanno pensato subito non appena l’hanno vista salire sul palco (dove ha cominciato ad aggirarsi furtivamente fissando il cantante, e chissà che anche quest’anno l’idea di ‘portarsi’ sul palco un’attrazione visiva non risulti vincente.

Di certo l’esibizione de Lo Stato sociale non è passata inosservata, a partire dalla maglietta che indossava il cantante Alberto Albi Cazzola (con la scritta rossa ‘Voglio un gattino’) fino ad arrivare ai particolari della regia televisiva. Sui social molti utenti non esitano a definirli ‘geniali‘, ma non sono piaciuti a tutti. E ci sono anche tante persone che li definiscono senza alcun dubbio ‘copioni‘.

Quello su cui non si discute, invece, è sulla bravura della ‘nonna’ ballerina. Lei, Paddy Jones, l’arzilla “vecchia che balla” di cui parla il testo della canzone “Una vita in vacanza“, ha saltato, fatto piroette e altre acrobazie incredibili. Lasciando il pubblico con la bocca aperta di fronte ad alcuni salti particolarmente arditi.

Ovviamente anche su Twitter se ne è straparlato. E l’accostamento ballerina-scimmia circola in rete e sui social, ma non mette tutti d’accordo.

7 Feb 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»