Su Netflix novembre nel segno di “The Punisher” e “Mudbound”

ROMA – Non sarà facile eguagliare il mese di ottobre per “Netflix”. “Strangers things 2” e “Suburra” erano infatti alcuni dei titoli più attesi tra gli appassionati di prodotti seriali. Eppure anche novembre si prospetta un mese interessante per la piattaforma di streaming on demand piu’ famosa al mondo, ricco di prodotti di qualità tra i quali spiccano certamente la serie “The Punisher” e il film “Mudbound”.

“The Punisher”

L’universo delle serie tv firmate Marvel si arricchisce di un nuovo personaggio. Si tratta di Frank Castle, alias The Punisher, apparso già nella seconda stagione di “Daredevil”, che ora diventa protagonista di una serie tutta sua, in onda su Netflix dal 17 novembre.  Frank è un veterano di guerra dei Marine, la cui famiglia è stata sterminata in un brutale omicidio. A seguito di questo drammatico evento Frank si trasformerà in un vendicatore portatore di giustizia in una società corrotta.

“Mudbound”

In concorso alla dodicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, “Mudbound” sarà disponibile su Netflix a partire dal 17 novembre. Il film diretto da Dee Rees ci porta nel sud degli Stati Uniti, alla fine della Seconda Guerra Mondiale e racconta le vicende di Jamie McAllan e Ronsel Jackson, appena rientrati dai campi di battaglia.

I due stringono amicizia, trovandosi a lavorare in una fattoria nel Mississippi. Tra il duro lavoro e le rigide barriere sociali, il loro legame sconvolgerà i piani delle rispettive famiglie, sfidando la brutale realtà in cui vivono. Il film è stato acclamato al Sundance Film Festival 2017.

Gli altri titoli

Tra i titoli piu’ interessanti del mese di novembre vanno segnalati anche la serie “L’altra Grace” (tratta da un romanzo di Margaret Atwood), disponibile dal 3 novembre, e la serie tv tratta dal film del 1986 di Spike Lee Lola Darling, firmata dallo stesso regista.

6 novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»