Salvini: “No immigrazione pericolosa, incontrerò Minniti”. L’ex ministro: “Leader Lega non risponde”

ROMA – “Saremo rispettosi di tutti, con la voglia di tornare ad essere il Paese leader nel Mediterraneo, ma senza subire in silenzio un’immigrazione fuori controllo e pericolosa. Sono ministro solo da quattro giorni, ma ho già incontrato decine di persone di grandissimo valore, sicuramente avrò modo di incontrare anche l’ex ministro Minniti. Al ministero siamo al lavoro su diversi fronti, già nelle prossime settimane ci saranno le prime importanti e concrete novità per aumentare la sicurezza degli italiani”. Così il ministro dell’interno e vicepremier Matteo Salvini. Il leader della Lega spiega che “la Tunisia nel 2018 è il primo Paese per immigrati sbarcati, 2.889, davanti a Eritrea e Sudan. È evidente che occorre lavorare per ottenere accordi più efficaci per entrambi, salvando vite e tutelando la sicurezza degli italiani”.

SALVINI: CON LA TUNISIA RISOLTO, NON VEDO L’ORA DI ANDARCI

Con la Tunisia tutto risolto? “Sì, non vedo l’ora di andarci”. Risponde così il leader della Lega e ministro dell’Interno Matteo Salvini ai cronisti lasciando il Senato.

MINNITI: HO CHIAMATO SALVINI PER CONGRATULARMI, NON HA RISPOSTO

Nessun passaggio di consegne ancora al Viminale: “Non ho mai parlato con Salvini. L’ho chiamato per congratularmi attrAverso la batteria del Viminale, ma non ho avuto una risposta. Aspetto paziente, sono paziente”. Così l’ex ministro Marco Minniti a ‘Otto e mezzo’.

MINNITI: SALVINI MINISTRO LASCI LEADERSHIP POLITICA

“Difficile conciliare il ruolo di leadership politica con il ministero dell’Interno: se uno è leader politico e fa un comizio ogni giorno, può scappare la frizione. E il ministro dell’Interno non può consentirselo: se un leader politico dice che l’Islam non ha posto nella Costituzione italiana è grave ma se lo dice un ministro dell’Interno rischia di diventare un incidente diplomatico. E Maroni, sicuramente leghista e che ha fatto il ministro degli Interni ha dato a Salvini il mio stesso consiglio. Quindi raccomanderei prudenza“.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

6 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»