AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

A Ravenna il minieolico per caricare lo smartphone o il pc

minieolicoRAVENNA – Caricare il proprio smartphone o alimentare il proprio portatile o tablet in un parco pubblico o in uno stabilimento balneare grazie al vento. Questa una delle possibilità di sviluppo dell’energia eolica che la Provincia di Ravenna sta testando grazie al progetto europeo “Powered” nato per verificare se e dove esistano le condizioni di vento per grandi parchi offshore. In città sulle due rive del Candiano sono già stati installati due impianti e questa mattina ne è stato inaugurato un terzo, micro, sul tetto della Capitaneria di porto.
salacontrolloIl territorio ravennate, spiega il dirigente del settore Attività produttive della Provincia, Alberto Rebucci, “non ha le condizioni ottimali” per grandi impianti, ma il progetto serve a capire quanta energia
si può produrre
. Per questo a breve scatterà l’installazione di anemometri alti oltre 60 metri, macchine in grado di dare dati precisi sul vento. Insomma è stata messa in campo una “sperimentazione concreta” per approfondire il fenomeno. I due impianti installati nel porto da 10 chilowatt di potenza producono 20.000 chilowatt/ora all’anno. Un “risultato apprezzabile in una zona con vento medio”. Quello sul tetto della Capitaneria di porto ha invece una turbina da 300 watt con una batteria tampone per l’assenza di venti e permette di ricaricare piccoli elettrodomestici da ufficio o fino al 20% delle utenze domestiche.

(Prosegue nel notiziario Dire in abbonamento)

di Cristiano Somaschini

05 marzo 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988