Renzi: Referendum? Cruciale per politica, non per qualcuno

renzi

ROMA – “Il referendum” istituzionale “è oggettivamente cruciale non per il futuro di qualcuno, ma per la credibilità della politica“. Cosi’ Matteo Renzi alla direzione del Pd.

“SE VINCE IL ‘NO’ CI SARA’ PRESA D’ATTO DEL GOVERNO” – “Io non credo alla discussione sulla personalizzazione. Ormai è un refrain”, dice Matteo Renzi, a proposito del referendum sulle riforme. Rivolgendosi ai membri della direzione, Renzi aggiunge: “Ma vorrei essere chiaro: c’è qualcuno tra di voi che possa passare, in tutta sincerità, che dopo che questa legislatura è nata in questo modo, ed ha fatto sulle riforme quello che ha fatto, c’è qualcuno che pensa sinceramente che nel caso in cui il referendum da parte dei cittadini si concludesse con un ‘no’, secondo voi il presidente del consiglio e il governo, è possibile immaginare che non ci sia una presa d’atto di questo risultato? Se c’è qualcuno, gli faccio i complimenti. Ma il problema non è cosa accade a me, anche se io l’ho detto perchè ci credo. Il problema è cosa accade al paese. E non in una logica di minaccia, di preoccupazione, non in una logica ‘ricordati che deve morire’. Altri stanno dicendo che ci sarà recessione, ma a me non interessa. Io dico un’altra cosa: se passa il referendum, si apre il futuro di questo paese. Questo è il punto chiave”.

 

4 Luglio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»