Rimborsi ai truffati delle banche, il ministro Tria passa il ‘cetriolo’ alla Consap

Di Maio e Salvini, alla fine, hanno perso la pazienza e spinto il ministro a darsi da fare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il tira e molla, come sempre, finisce quando il ‘cetriolo’ passa a qualcun altro. Ci sono le elezioni europee alle porte, Lega e M5S hanno puntato anche sui voti dei cosiddetti truffati delle banche. A tutti loro, e ai loro familiari, hanno promesso che verranno ripagati ma finora il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, ha fatto resistenza, e non si è visto un euro. Di Maio e Salvini, alla fine, hanno perso la pazienza e spinto il ministro a darsi da fare. Tria può restare, hanno detto in più occasioni, ma deve fare il suo lavoro. Che tradotto, significa quello che dettano Salvini e Di Maio, soci di maggioranza. La partita è complicata perché alla fine – siamo in Italia – i funzionari del ministero potrebbero essere chiamati dalla Corte dei Conti a rispondere di danno erariale, cioè a pagare di tasca propria, nel caso si accertasse che tra i truffati molti non avevano i requisiti per il rimborso. Di qui il gioco al rimpallo, fino a quando non si è trovata la soluzione: passare il ‘cetriolo’ alla Consap, la Concessionaria dei Servizi Assicurativi Pubblici, sarà lei a staccare gli assegni e ad assumersi l’eventuale responsabilità. Bisognerà vedere se chi oggi guida la Consap accetterà questo bel regalo. Si tratta di Mauro Masi, amministratore e pure presidente, che nella sua carriera ha ricoperto incarichi a Palazzo Chigi sia con Berlusconi che con D’Alema, poi direttore del Dipartimento Editoria sempre a Palazzo Chigi e direttore generale della Rai. Sarà difficile fregare una vecchia volpe che ha attraversato tutte le stagioni della politica italiana.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

4 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»