Banche, al via il primo corso su trust e affidamento fiduciario - DIRE.it

San Marino

Banche, al via il primo corso su trust e affidamento fiduciario

san_marino_piazza_libertaSAN MARINO – Dodici docenti per 31 ore di lezioni divise in sette incontri: è ai blocchi di partenza il primo corso sul trust e l’affidamento fiduciario, organizzato dalla Corte per il trust, in collaborazione con l’ordine degli Avvocati e Notai e con l’ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili della Repubblica di San Marino. Il primo appuntamento è previsto giovedì 8 ottobre 2015, alle ore 14,30, nella Sala Montelupo di Domagnano. Parteciperanno all’inaugurazione il segretario di Stato per gli Affari Interni e la Giustizia, Gian Carlo Venturini, Valeria Pierfelici, magistrato dirigente del Tribunale di San Marino, il presidente della Corte per il Trust, Maurizio Lupoi, e i presidenti degli Ordini Professionali, rispettivamente Simone Menghini, per gli avvocati e notai, e Marino Albani, per i dottori commercialisti e gli esperti contabili. Il programma del corso tenderà principalmente ad approfondire la legislazione sammarinese in materia di trust ed affidamento fiduciario attraverso qualificati contributi di studiosi e professionisti.

Tra i relatori delle varie sessioni figurano Maurizio  Lupoi, Michele Graziadei per la Corte, il magistrato Pierfelici, Fabio Mazza, responsabile del “Registro dei Trust”, Paola Manes dell’università di Bologna, Maurizio Bastianelli, commercialista in Ancona, Lanfranco Ferroni, giudice delle Appellazioni, Maria Selva, Avvocato in San Marino. Il corso dà diritto all’acquisizione di crediti formativi ai fini della formazione continua degli iscritti agli albi professionali ed è stato accreditato ai fini dell’obbligo della formazione obbligatoria degli iscritti al registro dei Revisori contabili.

E’ possibile scaricare il programma completo nel sito  www.cortetrust.sm

3 ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»