Migranti, De Magistris: “La Sea Watch può entrare in porto a Napoli”

Dopo l'annuncio del primo cittadino di Palermo Orlando, di non voler applicare il decreto sicurezza, l'ex Pm si rivolge a Salvini, criticando le sue posizioni sui migranti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 NAPOLI – “Io mi auguro che questa barca si avvicini al porto di Napoli perché contrariamente a quanto dice il governo metteremo in campo un’azione di salvataggio e la faremo entrare nel porto di Napoli. Sarò il primo a guidare le azioni di salvataggio”. Così, sulla nave SeaWatch, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in un’intervista a Radio Crc. 

Leggi anche: Migranti. L’appello di Sea Watch bloccata nel Mediterraneo: “Fateci sbarcare”

Dopo l’annuncio del primo cittadino di Palermo, Leoluca Orlando, di non voler applicare il decreto sicurezza, posizione avallata anche da de Magistris, l’ex Pm si rivolge al ministro dell’Interno, Matteo Salvini, criticando le sue posizioni sui migranti. “Credo che lasciare delle persone e dei bambini in mezzo al mare – dice – sia un crimine, non solo una cosa immorale, indegna e indecente. Ci sarebbero una serie di modi per apostrofare il comportamento dei governanti italiani e non solo che su un po’ di propaganda politica passeranno alla storia per quelli che hanno fatto morire delle persone in mare. Poi sarà la storia a giudicarli e mi auguro anche qualche tribunale. Di fronte ai crimini non c’è solo l’accusa politica, lo sdegno o la mobilitazione civica – aggiunge de Magistris – ma esistono anche i tribunali”.

ORLANDO: ANCHE IL PORTO DI PALERMO È APERTO

“Sulla nave c’è la bandiera del comune di Palermo, in segno di piena solidarietà. Questi provvedimenti non sono un insulto ai migranti ma sono un insulto agli italiani e alla nostra cultura dell’accoglienza. Anche sotto il profilo di difesa della nostra identità nazionale. Il porto di Palermo è assolutamente aperto per loro e vorrei che il Ministro Toninelli facesse quello che ho fatto io e ordinasse di non seguire le indicazioni del suo collega, il Ministro dell’Interno. Questo contrasto devono risolverlo loro, non devono scaricarlo sui cittadini e sui migranti“. Lo ha dichiarato Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, durante la trasmissione “Dentro i fatti” di Tgcom24, a proposito della situazione dei 32 migranti che da tredici giorni sono a bordo della nave Sea Watch 3.

SEAWATCH A DE MAGISTRIS: COMMOSSI, NON CI FATE SENTIRE SOLI

“A bordo di Sea Watch è stato recapitato il messaggio di De Magistris che ci commuove e non ci fa sentire soli. #ApriteiPorti”. Così sull’account twitter Sea-Watch Italy.

Nella lettera il sindaco di Napoli scrive: “Stimato comandante, mi chiamo Luigi de Magistris e sono il sindaco della città di Napoli. Io ed i miei cittadini siamo molto preoccupati per le condizioni delle persone che lei ha salvato nel mare e ringraziando di cuore lei e il suo equipaggio per lo straordinario lavoro che fate e per la grande prova di umanità e di amore che concretamente testimoniate”.

“La preoccupazione per le condizioni delle persone che avete sottratto al mare- aggiunge- mi spinge, a nome dell’intera città di Napoli, a chiederle formalmente di volgere la prua verso la nostra città certi che sarete accolti nel nostro porto. Se poi la protervia del ministro dovesse spingersi fino a impedirle di entrare, sappia che abbiamo già disponibili 20 imbarcazioni che, in sicurezza, raggiungeranno la Seawatch3 per portare a terra le persone che lei sta ospitando”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

3 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»