Lazio

Roma, il Comitato denuncia: “Al Verano tombe abbandonate e furti”

ROMA – “Lo stato di degrado in cui versano i cimiteri capitolini e’ un’umiliazione continua. Furti, scippi e aggressioni sono all’ordine del giorno“. Questa, proprio nel giorno in cui in tanti sono andati a trovare i propri cari, la denuncia di Valeria Campana, una delle fondatrici del Comitato tutela cimiteri Flaminio, Prima Porta, Verano e Laurentino.

All’interno del cimitero monumentale del Verano, come dimostrano le immagini dell’agenzia Dire, tombe e lapidi abbandonate sono lasciate al loro destino in attesa della fine della concessione, molte impalcature recintano le strutture pericolanti, il guano e’ presente in alcune zone e ricopre tombe e marciapiedi. Circa 150 opere di Filippo Severati, delle 250 originariamente presenti al Verano, sarebbero state trafugate. Il Comitato chiede un intervento dell’Amministrazione capitolina, e di Ama in particolare, per riportare il decoro al Verano e negli altri cimiteri della Capitale dove sussisterebbero altrettanti problemi di sicurezza e decoro.

2 novembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»