Giovani

Mantova si riempie di musica con “Trame sonore”, Groupama fa da main sponsor

ROMA – Groupama Assicurazioni è lieta di consolidare, per il secondo anno consecutivo, l’importante partnership culturale stretta con ‘Trame sonore’ Mantova Chamber Music Festival, “che ci vede Main Sponsor della V edizione della manifestazione musicale- spiega una nota- che dal 31 maggio al 4 giugno 2017 torna a invadere i più bei luoghi d’arte di Mantova, con 180 concerti affidati a circa 400 musicisti provenienti da tutto il mondo“. “L’intenzione della nostra Azienda- continua il comunicato- insieme alla Orchestra da Camera di Mantova, in partenariato con la Direzione del complesso museale di Palazzo Ducale e in sinergia con il Comune di Mantova, è quella di contribuire alla diffusione e valorizzazione dell’arte musicale attraverso iniziative volte non solo verso il grande pubblico ma anche a favore dei nostri Agenti e Clienti presenti sul territorio”.

Fra i vari eventi ospitati nel suggestivo scenario del Palazzo Ducale, Groupama Assicurazioni ha scelto di invitare i sui ospiti al concerto della Theresia Youth Orchestra che si terrà oggi, 2 giugno, alle 20.30 nella Sala di Manto, un’orchestra internazionale composta da musicisti di età inferiore ai 30 anni provenienti dalle principali scuole europee di musica classica, diretta dal maestro Claudio Astronio. A seguire, una visita guidata del Palazzo ducale sotto la guida esclusiva del Direttore Dott. Petter Hassmann e un ricevimento al piano nobile di Palazzo Castiglione. Yuri Narozniak commenta: “Prendere parte a questo evento rafforza ancora di più l’attenzione che la nostra compagnia ripone nella valorizzazione del territorio e della cultura. In particolare, abbiamo scelto di abbinare in nostro evento speciale alla Theresia Youth Orchestra perché è in linea con il supporto che Groupama Assicurazioni riconosce alle giovani generazioni con molte iniziative concrete”.

2 giugno 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»