2 giugno, Coldiretti: Per un italiano sul 4 gita al mare o nel verde - DIRE.it

Ambiente

2 giugno, Coldiretti: Per un italiano sul 4 gita al mare o nel verde

Bosco

ROMA – Più di un italiano su quattro (28% per cento) ha colto l’opportunità del lungo ponte 2 giugno per fare una gita in giornata al mare o nel verde ma c’è anche un fortunato 15% in vacanza con almeno una notte fuori casa. E’ quanto emerge da un sondaggio on line del sito www.coldiretti.it dal quale si evidenzia peraltro che c’è però una netta maggioranza, del 57%, che resta a casa e non cambia le proprie abitudini per la festa delle Repubblica. Le gite fuori porta, il mare, le città d’arte e la montagna, ma anche il turismo verde nei parchi e nelle campagne sono le mete preferite nonostante il maltempo abbia costretto molti a cambiare programma. Non mancano quanti hanno però deciso di trascorrere la giornata all’aria aperta magari organizzando le tradizionali grigliate o pic nic in spiaggia, nelle pinete o nei parchi.

spiagge_riminiParticolarmente gettonati gli agriturismi dove – continua la Coldiretti – si stima che un milione e duecentomila di persone hanno scelto di sedersi a tavola in agriturismo durante il ponte del 2 giugno per cogliere l’opportunità di trascorrere una giornata lontano dalle città senza rinunciare alle comodità e alla protezione dal maltempo garantita dall’ospitalità delle aziende di campagna, secondo l’associazione agrituristica Terranostra. La capacita di mantenere inalterate le tradizioni enogastronomiche nel tempo è – continua Coldiretti – la qualità più’ apprezzata dagli ospiti dei ventunmila agriturismi italiani che però hanno qualificato notevolmente la propria tradizionale offerta di alloggio e ristorazione con servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti, come l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking o attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici, ma anche corsi di cucina e wellness. Molti agriturismi – conclude la Coldiretti – si sono attrezzati con l’offerta di alloggio e di pasti completi, ma anche di colazioni al sacco o con la semplice messa a disposizione spazi per picnic, tende, roulotte e camper per rispettare le esigenze di indipendenza di chi ama prepararsi da mangiare in piena autonomia ricorrendo eventualmente solo all’acquisto dei prodotti aziendali di campagna amica.

2 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»