A Parma arrivano telecamere e 20 nuovi vigili nei prossimi due anni - DIRE.it

Emilia Romagna

A Parma arrivano telecamere e 20 nuovi vigili nei prossimi due anni

PARMA – Quattro nuove telecamere e 20 nuovi vigili assunti nei prossimi due anni, che si aggiungono ai 10 arrivati nel 2015. Sono le nuove misure di sicurezza per la città di Parma, illustrate oggi dal sindaco Federico Pizzarotti e dall’assessore Cristiano Casa. In particolare i nuovi “occhi elettronici”, che si aggiungono ai 177 già attivi sul territorio comunale, sorveglieranno i quartieri San Leonardo, Pablo e Oltretorrente e la Galleria Mazzini. I costi di installazione delle telecamere e di formazione del personale ammontano a 96.000 euro, coperti al 75% dalla Regione.

“L’implementazione del sistema di videosorveglianza- spiega il sindaco- rientra in una strategia ad ampio raggio volta a migliorare la sicurezza sul territorio comunale e che prevede, fra l’altro, l’assunzione di 30 nuovi agenti in tre anni: dieci nel 2015, dieci nel 2016 e dieci nel 2017″. Il “tema dell sicurezza- aggiunge Pizzarotti- è prioritario per l’amministrazione che ha deciso di investire in risorse economiche ed umane”.

Il Comune, prosegue Casa, “investe quindi in sicurezza come è già avvenuto nel 2015 attraverso il potenziamento del sistema di videosorveglianza, l’assunzione di 10 nuovi agenti, l’acquisto di nuovi mezzi per la Polizia municipale”. L’aumento delle telecamere serve a “costituire un presidio ‘intelligente’ in zone che presentano criticità in termini di sicurezza”.

Il comandante dei vigili, Gaetano Noè chiude sottolineando come la videosorveglianza permette la verifica con la banca dati del ministero degli Interni per individuare auto rubate, ma è possibile anche intercettare veicoli senza assicurazione o non sottoposti a revisione “con importanti risvolti per quanto attiene non solo la sicurezza urbana, ma anche sulla circolazione stradale”.

1 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»