Mondo

Mattarella a Betlemme: “Riconciliazione tra Israele e Palestina non è più procrastinabile”

mattarella_betlemmeROMA – “In questo legame così stretto, il mio Paese continuerà a sostenere con convinzione il rafforzamento delle istituzioni statali palestinesi e un accordo di pace duraturo e omnicomprensivo basato sulla soluzione dei due Stati per due popoli”. Lo ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella al termine dell’incontro con il Presidente della Palestina, Mahmoud Abbas, a Betlemme.

“La ripresa dei negoziati del Processo di Pace– ha aggiunto- deve rimanere una priorità della comunità internazionale, perché è sostanzialmente una sua priorità. Va perciò evitato che la questione israelo-palestinese e il traguardo della Pace rimangano ai margini dell’agenda della comunità internazionale, perché ne costituiscono uno dei punti più importanti”.

Per Mattarella “la riconciliazione tra i popoli israeliano e palestinese non è più procrastinabile. Essa è una condizione vitale per avviare un percorso di stabilizzazione complessiva dell’area, in un contesto di sicurezza e sviluppo economico condivisi, a beneficio di tutti. “L’apporto dei Governi degli altri Paesi arabi è fondamentale- ha detto ancora-. Nessun tentativo credibile di rilancio del Processo di Pace può avere successo senza un significativo coinvolgimento dei principali partner arabi. Così come è necessario l’impegno, la partecipazione, la sensibilità della comunità internazionale.

1 novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»