Napoli, birra della legalità per i ragazzi di area penale

NAPOLI – Si chiama “Schiuma Libera 2.0” l’iniziativa per una filiera della birra della legalità pensata per l’inclusione sociale dei giovani napoletani di area penale.

Il progetto, presentato a Napoli nel bar “Caffè Sospeso”, dell’associazione Scugnizzi, all’interno del tribunale dei Minori dei Colli Aminei, è stato ideato e promosso dalla Comunità “Dernier” Cooperativa B.C.D. Group del Dott.re Salvatore Buccelli, e ha come obbiettivo l’inserimento lavorativo dei ragazzi di area penale.

L’iniziativa è in collaborazione con il Dott.re G. Centomani direttore del Centro Giustizia Minorile della Campania e la Dott.ssa Patrizia Esposito Presidente del Tribunale dei Minori.

La birra, scrivono in una nota i promotori di “Schiuma Libera”, sarà prodotta “utilizzando esclusivamente materie prime di qualità, dalla semina al bicchiere, investendo sulle potenzialità dei ragazzi e incidendo sulle loro storie”.

1 Lug 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»