VIDEO | De Magistris: “Invece dei botti comprate un ‘giocattolo sospeso’ per un bambino povero”

Questo l'appello del sindaco di Napoli Luigi de Magistris contro i botti di Capodanno: "Un'abitudine che deve trasformarsi in solidarietà"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – “Se qualcuno ha dei soldi per comprare botti pericolosi li utilizzi per andare nei negozi e comprare un giocattolo sospeso per un bambino povero“. Questo l’appello del sindaco di Napoli Luigi de Magistris contro i botti di Capodanno. “E’ un’abitudine che deve finire e trasformarsi in un’abitudine positiva di solidarieta’. I botti illegali sono pericoli per chi li utilizza e per gli altri – avverte l’ex Pm – e gli animali soffrono enormemente. Chi compra una bomba esplosiva capace di sventrare una saracinesca, faccia invece beneficenza e aiuti bimbi e famiglie in difficolta’. I fuochi venga a vederli sul lungomare, dove a Capodanno c’e’ lo spettacolo pirotecnico organizzato dal Comune“.

ANM HA ANNUNCIATO IL SERVIZIO NOTTURNO DELLE METROPOLITANE E FUNICOLARI PER LA NOTTE DI CAPODANNO

“Ci auguriamo che il 31 non ci siano condotte irresponsabili anche per ragioni di ordine pubblico. Io esprimo fiducia e la fiducia deve essere ben ripagata con un comportamento responsabile”. Lo dice il sindaco di Napoli Luigi de Magistris rispondendo ai cronisti che, a margine di una conferenza stampa a palazzo San Giacomo, gli chiedevano se fosse garantito il servizio notturno di metropolitane e funicolari per la notte di Capodanno, come annunciato dall’azienda Anm. “C’e’ quel brocardo sportivo – scherza il primo cittadino – al quale mi rivolgo in questi casi: e’ rigore quando l’arbitro fischia. C’e’ un accordo firmato e io ho fiducia di ritenere che domani sera non accada nulla di imponderabile”. De Magistris ha pero’ voluto esprimere anche “grande amarezza” per i continui stop alle linee di trasporto pubblico che si sono verificate nell’ultimo mese. “E’ una condotta – assicura – che non rimarra’ priva di conseguenze, sia nei provvedimenti che nell’organizzazione futura dell’azienda”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»