In Campania De Luca chiude anche gli asili: “Bimbi terribili vettori di contagio”

Confermata la chiusura delle scuole primarie e secondarie e delle università sempre fino al 14 novembre
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Dal lunedì 2 a sabato 14 novembre sono chiuse in Campania le scuole dell’infanzia. Confermata anche la chiusura delle scuole primarie e secondarie e delle università sempre fino al 14 novembre. Lo dispone un’ordinanza firmata dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, la numero 86 dall’inizio dell’emergenza Covid, e che a breve sarà pubblicata sul Burc.

L’attività didattiche in presenza è consentita solo per lo svolgimento delle attività destinate agli alunni affetti da disturbi dello spettro autistico e ai diversamente abili “il cui svolgimento in presenza – si legge nell’ordinanza – è consentito previa valutazione, da parte dell’istituto scolastico, delle specifiche condizioni di contesto” e per gli studenti universitari iscritti al primo anno.

DE LUCA: “BIMBI VETTORI CONTAGIO TERRIBILI”

Registriamo ancora oggi fra i 74 e i 68 contagi tra i bambini della fascia 0-5 anni. È il motivo per cui chiudiamo anche le scuola dell’infanzia”, spiega Vincenzo De Luca. “Abbiamo verificato – ha detto – che i bimbi più piccoli, proprio perche’ non possono mantenere il distanziamento e la mascherina, sono diventati vettori di contagio terribili in ambito familiare. Contagiano in maniera spaventosa”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

30 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»