Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | De Luca: “Bimba piange per tornare a scuola…cresciuta con latte al plutonio”

"Non si può ascoltare un ministro dell'Istruzione che continua a ripetere a pappagallo che dobbiamo tenere aperte le scuole"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Mi è capitato di vedere un’intervista a una mammina con una mascherina di tendenza, gli occhi ridenti e fuggitivi. Sosteneva che la sua bambina avesse pianto, dicendo “Mamma voglio andare a scuola per imparare a scrivere”. Credo sia l’unica bambina d’Italia che piange per andare a scuola e l’unica bimba al mondo che dà anche la motivazione, vuole imparare a scrivere, le mancano grammatica, sintassi ed endecasillabi. Questa povera figlia è un ogm, cresciuta dalla mamma con latte al plutonio”. Lo ha detto, in una diretta Facebook, il governatore della Campania Vincenzo De Luca.

DE LUCA A AZZOLINA: “RIPETE A PAPPAGALLO ‘SCUOLE APERTE'”

“Sulla scuola io considero sconcertante la ripetizione di litanie che non hanno nessun rapporto con il livello dell’epidemia. Non si può ascoltare un ministro dell’Istruzione che continua a ripetere a pappagallo che dobbiamo tenere aperte le scuole. Ma cosa? Quando ci sono centinaia di contagi in alcune realtà scolastiche come si fa a ripetere frasi fatte?”. Così, in una diretta Facebook, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, rivolgendosi alla ministra Lucia Azzolina.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»