Apre nuova sede Asur: così risparmio da 700.000 euro l’anno

ANCONA - Sono stati inaugurati questa mattina gli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

marche_asur2

ANCONA – Sono stati inaugurati questa mattina gli uffici dell’Asur (l’Azienda sanitaria unica regionale) in via Oberdan ad Ancona. La struttura ospiterà una novantina circa di dipendenti. Lo stabile è di proprietà della Regione a differenza del precedente ubicato in zona Baraccola dove l’amministrazione regionale pagava un affitto annuale di 700.000 euro. “La Regione ha un patrimonio immobiliare molto vasto ed era un paradosso pagare gli affitti avendo strutture di proprietà non utilizzate- spiega alla ‘Dire’ il Governatore Luca Ceriscioli-. In poco tempo abbiamo completato un’operazione che ci consente di risparmiare cifre importanti”.

marche_Ceriscioli_Marini

La ristrutturazione dello stabile è costata circa un milione di euro. “Risorse europee derivanti dai finanziamenti per l’efficientamento energetico- puntualizza l’assessore regionale al Bilancio Fabrizio Cesetti-. Credo sia un’operazione coraggiosa ed efficiente. Esempio di buona amministrazione”. Il direttore generale Asur Alessandro Marini ha fatto gli onori di casa. “Dopo 10 anni finalmente l’Asur ha una sede di proprietà. Comprendo i maggiori disagi dei dipendenti ma dopo una prima fase di ambientamento sono sicuro che ci si abituerà. Sede prestigiosa in pieno centro storico. E presto avremo nuovi spazi”.

di Luca Fabbri, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»