Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il giorno di Renzi a Ventotene: “Non permetteremo di distruggere Schengen”

"Nessun muro può contenere la voglia di libertà dell'Europa, che è nata per abbattere muri e non per costruirne".
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENTOTENE (LATINA) – Il presidente del Consiglio Matteo Renzi, accompagnato dal ministro dei Beni e delle attività culturali Dario Franceschini e dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, è arrivato sull’isola di Ventotene a bordo di un elicottero, ed è stato accolto dal sindaco. Ora il presidente del Consiglio, a bordo di un’imbarcazione della Guardia costiera, andrà a visitare la vicina isola di Santo Stefano, dove si trova il carcere borbonico che il ministro dei Beni culturali vuole ristrutturare e convertire ad area di interesse storico.

RENZI A VENTOTENE

“Chi vuole distruggere Schengen vuole distruggere l’Europa e noi italiani non lo permetteremo”, afferma Matteo Renzi, parlando a Ventotene. “Nessun muro può contenere la voglia di libertà dell’Europa, che è nata per abbattere muri e non per costruirne”.

I FIORI SULLA TOMBA DI SPINELLI – A Ventotene, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha deposto dei fiori sulla tomba di Altiero Spinelli, uno dei padri dell’ideale di Europa unita, le cui ceneri riposano, appunto, sulla piccola isola pontina. E’ lì che Spinelli venne confinato tra il 1939 e il 1943, dopo gli anni di confino a Ponza (1937-1939). Durante il periodo trascorso a Ventotene, insieme a Ernesto Rossi e di Eugenio Colorni, scrisse il documento base del federalismo europeo: il Manifesto per un’Europa libera e unita, noto anche come Manifesto di Ventotene.

Renzi a Ventotene

Filippo Sensi, portavoce di Renzi, pubblica una foto che ritrae il capo del Governo rendere omaggio a Spinelli su Twitter e Instagram aggiungendo solo “Ventotene #cosedieuropa”.

LEGGI ANCHE

Renzi a Ventotene, l’isola culla d’Europa si prepara ad accoglierlo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»