NEWS:

Amici 23, ‘RossoFuoco’ di Mida è l’inedito più ascoltato su Spotify

Il cantante raggiunge la dodicesima posizione nella Spotify Top 50 Italia

Pubblicato:29-11-2023 15:54
Ultimo aggiornamento:29-11-2023 15:54
Autore:

FacebookLinkedIn

ROMA – ‘RossoFuoco’ di Mida rivoluziona la classifica di Amici 23, posizionandosi al primo posto degli inediti dell’edizione più ascoltati su Spotify. Ad un passo dal disco d’oro, il brano ha raggiunto quasi 5 milioni di stream (4.848.753), raggiungendo la dodicesima posizione nella Spotify Top 50 Italia. Dietro di lui Holden con ‘Dimmi che non è un addio’ (3.988.698 di stream), ‘Che fai’ di Petit (1.819.377), ‘Mercoledì mai’ di mew (1.145.616), ‘Follia’ di Lil Jolie (591.376), Touché di Sarah (557.934), Tananai di Holy Francisco (518.552) e ‘Fammi’ di Matthew (339.015).

IL TESTO DI ‘ROSSOFUOCO’ DI MIDA

E ti scatterò una foto
Mentre balli tutta nuda e i capelli nel vuoto
Verrà un po’ fuori fuoco
Non importa tanto mi ricordo
Che sei bella come
Che sei bella come Roma
Hai due macchie sotto gli occhi
Verdi come la speranza
Che ti tocchi un po’ pensandomi
Però pensandoci

Io ti dirò che
Oh, ma madonna che voglia che ho
Di strapparti i vestiti di dosso
Su un letto di rose
È rosso fuoco
Io ti dirò che
Oh, ma madonna che donna che ho
Tu sei troppo
Io mi sento colpevole
Ma in amore zero regole

Io ti ruberò una foto
Mentre godi tutta nuda sul mio letto vuoto
E verrà un po’ fuori fuoco
Però amiamoci come nei porno
Io non ti ho detto
Che sei bella come Londra
Come il cielo di Firenze
Quando ridi e fai la stronza e mostri le tue insicurezze
Ma come ti viene in mente
Perché tu sei la fine del mondo

Io ti dirò che
Oh, ma madonna che voglia che ho
Di strapparti i vestiti di dosso
Su un letto di rose
È rosso fuoco
Io ti dirò che
Oh, ma madonna che donna che ho
Tu sei troppo
Io mi sento colpevole
Ma in amore zero regole

Io ti dirò che è rosso fuoco
Rosso fuoco
Rosso fuoco

Io ti dirò che
Oh, ma madonna che voglia che ho
Di strapparti i vestiti di dosso
E non fare rumore
È rosso fuoco

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn