Donne e sport, contro ostacoli e barriere ecco ‘Jump the gap’

Al via nel 2021-21 il progetto Acsi, Aics, Csen, Libertas e Università di Padova
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Si chiama ‘Jump the gap. Oltrepassare le barriere dello sport di base per le donne’ il nuovo progetto di ricerca, divulgazione e promozione della responsabilità condivisa, finanziato da sport e Salute per il 2020-21 e presentato da Acsi-Associazione di Cultura sport e Tempo Libero, Aics-Associazione Italiana Cultura sport, Csen-Centro Sportivo Educativo Nazionale, Centro Nazionale Sportivo Libertas e Universita’ degli Studi di Padova.

L’OBIETTIVO DELLA RICERCA

Obiettivo della ricerca e’ indagare come la comunità vede le sportive, giovani e adulte, e le barriere che incontrano nel praticarlo, per poi promuovere politiche di indirizzo del movimento sportivo amatoriale finalizzate ad attuare azioni che concorrano ad abbattere le barriere e gli ostacoli incontrati dalle donne nella pratica dell’attività fisica e dello sport di base.

LA RACCOLTA DEI DATI

I dati saranno raccolti, con la supervisione dell’università di Padova, attraverso questionari e interviste somministrati a: 4.500 tra donne e uomini suddivisi in due campioni (11-34 anni; 35-74 anni); 1.500 persone provenienti da nuclei familiari di ragazze e ragazzi che svolgono uno sport; 210 persone provenienti dalla comunita’ allargata del mondo sportivo, tra fruitori di eventi, allenatori, istruttori e coach. Saranno anche raccolti i contenuti pubblicati dalle principali testate giornalistiche sul mondo sportivo femminile nell’arco dei tre mesi di somministrazione dei questionari.

Alla base della ricerca la Metodologia per l’Analisi dei Dati Informatizzati Testuali (Madit), nata, sviluppata e implementata dall’ateneo padovano, che consente di analizzare e descrivere i dati testuali raccolti proprio attraverso questionari e interviste. Tra le azioni del progetto previste anche videointerviste per una campagna di sensibilizzazione sul gender gap nello sport e la divulgazione dei risultati dell’indagine. In piu’, i ricercatori dell’universita’ di Padova realizzeranno un report scientifico per descrivere il progetto e i risultati ottenuti, dal quale poi sara’ possibile costruire un ulteriore report divulgativo rivolto a tutti. Non solo. Sulla base dei dati emersi saranno elaborate specifiche linee guida per enti di promozione sportiva e associazioni e società sportive dilettantistiche sull’uso di strumenti utili contro il gender gap nello sport. A partire da queste linee guida, Aics, Acsi, Csen e Libertas costruiranno un documento per una pianificazione delle azioni in grado di impegnare la dirigenza e i collaboratori sportivi ad applicare azioni per promuovere cambiamenti volti ad abbattere il divario di genere, nella formazione, selezione, promozione dell’offerta e gestione delle proposte sportive.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»