Camorra, Cosentino assolto dall’accusa di collusione. Gelmini: “Vittima di processo politico”

"Dopo nove anni è difficile perfino gioire" afferma in una nota la capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “L’assoluzione di Nicola Cosentino, la cui colpa principale a quanto pare e’ stata di essere un dirigente e parlamentare di Forza Italia, e’ un emblematico esempio di malfunzionamento della giustizia, di uso improprio della custodia cautelare e di creazione di veri e propri processi politici”. Lo afferma in una nota Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

“La vita di un uomo- aggiunge- la sua carriera politica, i suoi affetti sono stati devastati dall’accusa di collusione con la camorra e dall’applicazione di una carcerazione preventiva per reati infamanti che non esistevano. Verrebbe da gioire, per Cosentino, per la sua famiglia, per la storia di Forza Italia, e per il fatto che, giustamente, la Camera all’epoca respinse la richiesta d’arresto per l’evidente fumus persecutionis di quella inchiesta“. “Dopo nove anni pero’- conclude Gelmini- e’ difficile perfino gioire, nella consapevolezza che niente e nessuno potra’ risarcire Nicola Cosentino e i suoi affetti”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»