Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Regione Liguria, bagarre in consiglio, seduta sospesa /VIDEO

Battibecco tra maggioranza e minoranza su la presenza dei lavoratori, del trasporto pubblico, in aula
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

liguria

GENOVA – Bagarre in Consiglio regionale della Liguria. Il presidente Francesco Bruzzone, in quota Lega Nord, ha temporaneamente sospeso la seduta per l’impossibilità di richiamare all’ordine i consiglieri di maggioranza e opposizione nel corso di un lungo battibecco sull’opportunità o meno di far assistere alla seduta dell’assemblea legislativa ligure tutti i lavatori del trasporto pubblico. Bocciata la richiesta della capogruppo Pd Raffaella Paita di aprire le porte e la conseguente richiesta di temporanea sospensione dei lavori da parte della minoranza, si è scatenato il litigio tra i due lati dell’emiciclo. Per protesta, i rappresentanti dei lavoratori ammessi ad assistere hanno abbandonato l’aula annunciando future, clamorose azioni di protesta.


Sul tema è intervento anche il governatore ligure, Giovanni Toti. “Ho chiesto io al presidente del Consiglio di “garantire un ordinato e corretto proseguimento lavori perché sono in discussione provvedimenti indispensabili che devono essere approvati nei tempi calendarizzati e stabiliti. Mi sono premurato di chiedere che, al di là di ogni legittima manifestazione di dissenso, i lavori potessero svolgersi in modo ordinato e senza il rischio che l’assemblea fosse costretta a interrompersi”. Per Toti, non c’è stata “alcuna violazione della possibilità di partecipazione e ascolto dei lavori della assemblea legislativa”. Anche in caso di porte chiuse, i lavori del Consiglio regionale possono anche essere seguiti in streaming e negli spazi della sala della Trasparenza, nella sede della Regione Liguria in piazza De Ferrari.

di Simone D’Ambrosio, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»