Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Treviso, dipendente Electrolux dona le ferie alla moglie malata

Grazie ad un accordo i dipendenti dello stabilimento di Susegana potranno donare le ore di ferie e permessi non solo per assistere figli malati ma anche per affrontare problemi personali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – I dipendenti dello stabilimento di Susegana della Electrolux potranno donare ore di ferie e permessi a una loro collega gravemente malata che ha terminato il periodo di malattia retribuita. Lo prevede l’accordo tra l’azienda e i sindacati territoriali di categoria Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil firmato questa mattina nella sede di Assindustria Veneto Centro, che va di fatto ad ampliare l’istituto del banco ore solidale introdotto dal Jobs act.

Grazie all’accordo le ore possono infatti essere cedute non solo per assistere figli malati ma anche per affrontare problemi personali

Nel caso specifico, grazie a questa intesa, il marito potrà devolvere le sue ore di permessi e parte delle ferie alla moglie. “In un periodo in cui dominano l’individualismo e l’egoismo, è importante incoraggiare e sostenere forme di solidarietà fra colleghi nei casi di situazioni particolarmente difficili come una malattia lunga”, commenta Antonio Bianchin della Fim Cisl Belluno Treviso, evidenziando che “è il primo accordo di questo tipo nel settore metalmeccanico della provincia di Treviso”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»