Evasione e tasse, ogni anno mancano 110 miliardi

ROMA - "In media, per gli anni 2012 e
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In media, per gli anni 2012 e 2013, si osserva un gap complessivo pari a 108,7 miliardi di euro, di cui 98,3 miliardi di mancate entrate tributarie e 10,4 miliardi di  mancate entrate contributive”. Nel 2012 sono precisamente 107,6 miliardi e nel 2013 109,7. E’ quanto emerso dall’audizione di Enrico Giovannini nella commissione sull’Anagrafe tributaria dove ha illustrato la relazione sull’economia non osservata e sull’evasione fiscale e contributiva.

L’evasione fiscale e contributiva è quantificata per il 2014 in 111,6 miliardi di euro, con un aumento di 1,8 miliardi (+1,7% rispetto al 2013). Questo aumento, si legge nella relazione aggiornata che Giovannini ha illustrato alla Bicamerale, deriva per 844 milioni dall’evasione fiscale (+0,8% rispetto al 2013) e per un miliardo dall’evasione contributiva (+9,8% rispetto al 2013).

Rispetto al 2013, si registra un incremento del tax gap per l’Iva di 1,1 miliardi di euro e una riduzione di quello relativo  all’Irap di 245 milioni di euro. La riduzione relativa all’Ires (circa 3,4 miliardi di euro) è compensata dall’incremento  dell’Irpef di circa 3,5 miliardi di euro, di cui 1,2 miliardi per lavoratori dipendenti irregolari e 2,3 miliardi per lavoratori autonomi e le imprese.

Nel triennio 2012-2014, la propensione all’evasione aumenta dal 23,6% al 24,8% . Rispetto al 2013, si registra un significativo incremento della propensione al gap Irpef, pari a  1,8 punti percentuali per i lavoratori autonomi e le imprese e a 0,8 punti percentuali per i lavoratori dipendenti irregolari, e dell’Irap, anch’essa pari a 0,8 punti percentuali. La propensione al gap Ires, invece, diminuisce di 1,5 punti percentuali. Variazioni contenute si osservano per la propensione al gap delle altre imposte.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»