La preghiera del rapper americano per l’ambiente: “Care generazioni future, mi dispiace”

"Care generazioni future, mi dispiace". Inizia così il video di Prince Ea, il rapper e attivista americano che
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Care generazioni future, mi dispiace“. Inizia così il video di Prince Ea, il rapper e attivista americano che per l’Earth Day ha fatto milioni di visualizzazioni. Uno dei video più toccanti del 2015 che con lucidità e freddezza ci mette davanti a problemi che vediamo ma che non vogliamo risolvere. La cura dell’ambiente in cui viviamo, ad esempio.

“Mi dispiace se abbiamo prestato ascolto alle persone che si sono inventate scuse per non fare niente“, dice il rapper, “Mi dispiace se vi abbiamo lasciato questo casino di pianeta. Scusate se eravamo troppo presi dai nostri impegni personali per fare qualcosa“.

https://www.youtube.com/watch?v=gjBh8K6EaRE&list=RDgjBh8K6EaRE#t=23

Deforestazione, smog, cambiamenti climatici, scioglimento dell’Artico e animali in via d’estinzione sono solo alcuni dei temi che tocca Prince Ea. “Sai una cosa, ferma la base. Non mi dispiace. Questo futuro non lo accetto perchè uno sbaglio non diventa un errore finché ti rifiuti di correggerlo, possiamo aggiustare tutto questo, come? Noi siamo le radici, le fondamenta, questa generazione: spetta a noi prenderci cura di questo pianeta”. E conclude: “Se non lavoriamo insieme per salvare l’ambiente, saremo tutti ‘equamente’ estinti“.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»