Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Paoletti eletto presidente della nuova Camera di commercio della Venezia Giulia

L'ufficializzazione durante le celebrazione per i 261 anni della Camera di commercio di Trieste
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

paoletti01TRIESTE – Antonio Paoletti è stato eletto primo presidente della nuova Camera di commercio della Venezia Giulia, nata dalla fusione degli enti camerali di Trieste e Gorizia. L’annuncio è arrivato tramite twitter.

“Siamo di fronte a esempio in cui l’aggregazione è nata dal basso, dettata dalla volontà dei territori ed è stata una scelta intelligente, perché sono stati messi insieme i patrimoni di competenze delle Camere di commercio di Trieste e Gorizia. Due realtà che pur avendo specificità e peculiarità intraprendono un nuovo viaggio insieme in un mondo che sta cambiano”. Lo ha dichiarato la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, alla celebrazione per i 261 anni della Camera di commercio di Trieste, che anticipa la nascita ufficiale della nuova Camera di commercio della Venezia Giulia, formata con la fusione degli enti camerali di Trieste e Gorizia, che si terrà questo pomeriggio.

“La nuova Camera unica opererà in una Regione che deve essere interlocutrice dell’Europa, dell’Europa dell’est, ma anche più in là fino all’Iran. Sono sfide impegnative che la Camera di commercio affronterà con strumenti nuovi, perché i presidenti di Gorizia e Trieste hanno riconosciuto la necessità di cambiare – ha detto Serracchiani -. Per fare massa critica dovremo però arrivare a un’unica camera di commercio regionale. Sarà un futuro impegnativo ma ci arriveremo preparati. In due settori la nuova Camera di commercio può fare molto: l’internazionalizzazione, in collaborazione con le istituzioni, e l’alternanza scuola-lavoro. Un ambito, quest’ultimo, nel quale la Regione si offre di fare progetti insieme.

di Mattia Assandri, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»