Coronavirus, l’Oms approva il test rapido: risultato in mezz’ora

Si presenta inoltre come i test anticoncezionali, con due linee blu che si formano sullo stick a indicare la positivita' al Sars-Cov-2.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Due aziende farmaceutiche hanno sviluppato dei test che possono rivelare in 15, 30 minuti al massimo, se la persona e’ positiva o meno al Covid-19. A sostenere questi test antigene rapidi e’ stata la Access to Covid tools initiative (Act accelerator), lanciata ad aprile dall’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms) insieme alla Commissione europea, la Gates Foundation e altri partner, con lo scopo di sviluppare test diagnostici, farmaci contro il Covid e un vaccino il cui accesso sia garantito globalmente. Uno dei due test antigene rapidi ha gia’ ottenuto il via libera dell’Oms mentre il secondo, stando ai media internazionali, dovrebbe ottenere l’autorizzazione a breve. Secondo i responsabili, entrambi presentano un margine di accuratezza del 97 per cento. L’obiettivo adesso e’ fornire 120 milioni di test rapidi ai paesi a medio e basso reddito, al prezzo di 5 dollari l’uno. Il costo tuttavia potrebbe subire ulteriori riduzioni. Il test si presenta inoltre come i test anticoncezionali, con due linee blu che si formano sullo stick a indicare la positivita’ al Sars-Cov-2. Anche i paesi dell’Unione europea potranno avere accesso in via preferenziale a questo prodotto, dal momento che fanno parte dell’Act accelerator. Il 20% della produzione resta comunque riservato ai Paesi in via di sviluppo. Attualmente la pandemia di coronavirus ha quasi raggiunto i 33 milioni di contagi, e secondo i dati dell’Oms 3.600 persone hanno perso la vita solo nella giornata di oggi nel mondo. I numeri dell’epidemia restano elevati in Paesi come India e Brasile e stanno intanto tornando a salire anche in Europa.

Secondo gli esperti quindi poter svolgere test in modo economico e veloce a scuola, nelle universita’ o in qualsiasi altro luogo pubblico sara’ fondamentale per contenere la diffusione del virus, individuando e isolando in fretta i nuovi focolai. Un impatto positivo soprattutto per i paesi con i sistemi sanitari piu’ fragili, come ha sottolineato Catharina Boehme, direttrice della ong Foundation for Innovative New Diagnostics (Find), che ha preso parte all’iniziativa Act accelerator. “La pressione della domanda su questo genere di prodotti sta crescendo molto rapidamente- ha detto Boehme- per questo era necessario garantire una buona porzione di test ai paesi a medio e basso reddito, prima che arrivassero gli altri Stati ricchi a effetture gli ordini. Le popolazioni povere non devono restarne escluse, come gia’ accaduto”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»