Autostrade, Cancelleri: “Atlantia ceda società ma non responsabilità o revochiamo la concessione”

Entro il 2 ottobre. "Le 43 vittime le hanno causate loro, e lo appurera’ la magistratura"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se entro venerdi’ Atlantia non cede Autostrade a Cassa depositi e prestiti gli revochiamo la concessione. Loro non vogliono sottoscrivere la manleva: loro sono indagati dalla magistratura per il crollo del Ponte Morandi, hanno delle responsabilita’ amministrative e penali. La manleva e’ quell’atto con cui si solleva quella responsabilita’ al nuovo acquirente. Loro vorrebbero vendere non solo le quote societarie, ma anche la responsabilita’. Invece devono vendere le quote societarie, ma la responsabilita’ se la tengono loro. Le 43 vittime le hanno causate loro, e lo appurera’ la magistratura. Entro venerdi’ si scioglie questo nodo, il presidente Conte e’ stato perentorio. Non e’ serio quello che hanno fatto, loro hanno sottoscritto un accordo il 14 luglio nel quale c’era anche la manleva delle responsabilita’ civili e amministrative, ora non stanno mantenendo questo accordo. Si stanno tirando indietro perche’ speravano che le regionali facessero cadere il governo ma questo, mi dispiace per loro, non e’ accaduto. Quindi devono sottoscrivere quell’accordo altrimenti ci sara’ la revoca”. Lo dice Giancarlo Cancelleri, viceministro delle Infrastrutture e trasporti, a Un Giorno da Pecora su Rai Radio1. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»