Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Iscrizione dei migranti nelle anagrafi comunali, il tribunale boccia il ricorso del Viminale

Il reclamo del Ministero dell'interno bocciato perchè, secondo i giudici, non aveva "legittimazione" ad impugnare perche' non partecipo' al primo grado
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Il Tribunale di Firenze ha respinto il reclamo del ministero dell’Interno, che aveva impugnato la decisione di un giudice che ha autorizzato un somalo richiedente asilo a presentare domanda di iscrizione all’anagrafe al Comune di Scandicci. Una vicenda risalente allo scorso mese e che aveva aperto un vero e proprio caso a livello nazionale.

Nell’arco della vicenda, il Comune di Scandicci aveva rifiutato l’iscrizione basandosi sulle norme del ‘Decreto sicurezza’, che vietano di fatto l’iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo.

Dopo il ricorso del ministero, il Tribunale di Firenze ha confermato il primo verdetto, scaturito dal ricorso dell’avvocato Noris Morandi dell’Associazione studi giuridici sull’immigrazione, bocciando il reclamo del Ministero che, secondo i giudici, non aveva “legittimazione” ad impugnare perche’ non partecipo’ al primo grado.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»