Roma, l’Oref boccia il bilancio: “Consolidato non corretto e non veritiero”

ROMA - "L'Organo di revisione rileva che il bilancio consolidato 2017 di Roma Capitale [...] non rappresenta in modo veritiero
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’Organo di revisione rileva che il bilancio consolidato 2017 di Roma Capitale […] non rappresenta in modo veritiero e corretto la reale consistenza economico, patrimoniale e finanziaria dell’intero Gruppo Amministrazione pubblica di Roma Capitale”. Sono queste i rilievi dei revisori dell’Oref nella relazione sul bilancio consolidato 2017, che dovrebbe arrivare oggi pomeriggio in Assemblea capitolina e la cui approvazione è necessaria sia per chiudere il quadro dei conti del Campidoglio, sia per superare il blocco assunzionale scattato come sanzione accessoria per il ritardo nel via libera che era stato dovuto all’impasse di Ama.

L’Oref “invita l’ente a rideterminare il perimetro di consolidamento comprendendo quantomeno le società ora escluse in violazione del principio contabile”.

Per il Campidoglio è la terza bocciatura da parte dell’Oref, dopo quella del bilancio previsionale 2017 del dicembre 2016 e quella sempre del consolidato arrivata lo scorso anno: nel dicembre di 12 mesi fa l’amministrazione e la maggioranza decisero comunque di andare avanti, catalogando il parere dei revisori come “non vincolante” e “politico”.

Le aziende non ricomprese nell’area di consolidamento sono Roma Metropolitane, Farmacap, Ama perché il bilancio 2017 non è stato approvato e Atac, in procedura di concordato.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»