Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Venezuela ancora scontri anti-Maduro, muore un poliziotto

Un poliziotto ha perso la vita nello stato di Miranda, mentre altri due sono rimasti feriti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

venezuela_colombiaROMA – Non è bastato l’annuncio dell’avvio di un Dialogo nazionale da parte del Presidente Nicolas Maduro: ieri altre manifestazioni delle opposizioni hanno avuto luogo in alcune zone del Paese per chiedere la fine dell’attuale governo. Negli scontri che ne sono seguiti, un poliziotto ha perso la vita nello stato di Miranda, mentre altri due sono rimasti feriti. Come riferiscono fonti di stampa latinoamericana Alejandro Molina è stato colpito all’addome e a un braccio mentre gli agenti cercavano di disperdere la folla. Ricoverato assieme ai colleghi nel vicino ospedale, è morto poco dopo senza che i medici potessero fare nulla per salvarlo.

Due persone sono state arrestate nell’ambito dell’inchiesta che è stata già aperta dalle autorità. Altri quattro poliziotti sono rimasti feriti anche nello stato di Zulia, mentre in quello di Barinas Rafael ‘Junior’ Ayala, dirigente di uno dei principali partiti di opposizione, Primera Justicia (Pj), è stato colpito al volto e ha perso l’occhio sinistro. Lo ha denunciato anche sul proprio profilo Twitter il segretario di Pj Henrique Capriles, commentando così: “E’ questo il dialogo di Maduro”.

di Alessandra Fabbretti, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»