Egitto, Patrick Zaki resta in carcere: rinviata l’udienza al 7 ottobre

L'agenzia Dire lo apprende da fonti interne all'Egyptian initiative for personal rights (Eipr)
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA  –E’ stata rinviata al 7 ottobre l’udienza del processo sul rinnovo detenzione cautelare di Patrick Zaki. L’agenzia Dire lo apprende da fonti interne all’Egyptian initiative for personal rights (Eipr), l’ong per la quale il ricercatore e attivista per i diritti umani collaborava fino al suo arresto, avvenuto il 7 febbraio. I giudici si sono riuniti ieri a porte chiuse, in assenza dell’imputato e dei suoi avvocati, per decidere se prolungare o meno la detenzione di Zaki altri 45 giorni. La decisione era attesa per stamani, tuttavia annunciato di aver accolto l’istanza degli avvocati dello studente egiziano, che hanno contestato l’assenza del loro assistito in aula e quindi la non completezza del procedimento. Patrick Zaki non si sarebbe potuto presentare in tribunale per difficoltà legate al trasferimento: attualmente è detenuto nel settore di massima sicurezza del carcere di Tora perché accusato di vari reati tra cui quello di di sedizione.

Alla Dire il portavoce di Amnesty international, Riccardo Noury, ha commentato: “Il breve rinvio dell’udienza potrebbe essere una buona opportunità per fare pressioni sulle autorità egiziane affinché Zaki sia rilasciato. Per questo lanciamo un appello al governo italiano: la detenzione di Zaki è ingiusta e illegittima e il nostro governo deve rimettere il nome di Zaki nella sua agenda politica, dato che negli ultimi mesi è completamente scomparso”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

27 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»