Clima, la protesta è globale: oltre 7000 manifestazioni in 171 paesi

Dal Pakistan, all'Indonesia, al Cile, al Messico: sono giovani di tutto il mondo quelli che stanno partecipando alle proteste
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il nostro messaggio è forte e chiaro: azione per il clima, subito. Ma alcuni fanno ancora finta di non capire”. È il messaggio diffuso sui social network da Hilda, studentessa ugandese e attivista per il clima, nella giornata dello ‘sciopero globale’ indetto dal movimento ‘Fridays for future’ e ispirato alla protesta dell’adolescente svedese Greta Thunberg.

LEGGI ANCHE: Migliaia in piazza per il clima, cortei in tutta Italia – LE FOTO

Dal Pakistan, all’Indonesia, al Cile, al Messico: sono giovani di tutto il mondo quelli che stanno partecipando alle proteste. Oltre 7mila, in più di 3200 città e 171 Paesi, sono gli eventi legati alla settimana di mobilitazione che si conclude oggi e registrati sul sito del movimento.

Il Paese dove le manifestazioni hanno visto, in proporzione, i numeri più importanti è al momento la Nuova Zelanda: alla giornata di protesta avrebbe partecipato il 3,5% della popolazione. Il dato è stato diffuso su un social network dalla stessa Thunberg, che parla di 170mila presenze.

“I bambini in età scolare sono tenuti ad andare a scuola. Ma con le condizioni del clima che peggiorano, quest’obiettivo inizia ad essere senza senso. Perché studiamo per un futuro che potremmo non avere?” si legge nel manifesto di ‘Fridays for future’: “Perché ci sforziamo per istruirci, quando i nostri governi non ascoltano le persone istruite?”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

27 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»