La telemedicina? “Ha grandi potenzialità” VIDEO

Lo spiega Francesco Gabbrielli, vicepresidente esecutivo Digital sit, durante Dig.Eat 2017, evento che cerca di fare il punto sulla digitalizzazione del nostro Paese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La telemedicina ha grandi potenzialità, già oggi si possono fare tantissime azioni concrete a beneficio dei pazienti”. Lo ha dichiarato Francesco Gabbrielli, vicepresidente esecutivo Digital sit, durante Dig.Eat 2017, la decima edizione dell’evento che ogni anno cerca di fare il punto sulla digitalizzazione del nostro Paese, promosso da Anorc, Anorc Professioni e Aifag.


“E’ possibile utilizzare le innovazioni digitali per creare servizi nuovi, migliori e di alta qualità- ha continuato- che diano opportunità di cure che prima non erano possibili. I medici sono pronti culturalmente per poterlo fare, nonostante ci sia la tendenza a cercare di fare dei sistemi di telemedicina a livello locale, senza un reale coordinamento che permetta un’uniformità dei trattamenti. Questi sono problemi tecnici- ha concluso- di gestione e di capacità di investimento”.

LEGGI ANCHE Digitale, a Dig.Eat 2017 l’E-Health e le sfide per la privacy

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»