Orlando: “Con Renzi rottura dopo il referendum, ora basta leader”

"Non sono candidato contro Renzi ma ho un'idea diversa del partito"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Partito Democratico “deve superare la visione leaderistica e mettere al centro l’uguaglianza“. Così il ministro della Giustizia e candidato alla segreteria del Pd Andrea Orlando spiega la sua visione del partito intervenendo ad Agorà, su RaiTre.

“Dovere della politica è non dire quello che la gente vuole sentire ma la verità“, ha poi detto il ministro.

“Non sono candidato contro Renzi ma ho un’idea diversa del partito. Il referendum dello scorso dicembre è stato lo strumento per riflettere su disuguaglianze profonde. Abbiamo fatto cose importanti ma non sufficienti sulle distanze”. ha chiarito Orlando.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»