Bruciato il portone del sindaco di Trani: “Intimidazione”

portone sindaco bottaro
Lo ha reso noto lo stesso primo cittadino, Amedeo Bottaro: "Se qualcuno pensa di intimorirmi - scrive sulla sua pagina Facebook - si sbaglia di grosso"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Ignoti la scorsa notte hanno dato alle fiamme il portone di casa del sindaco di Trani (Barletta – Andria – Trani), Amedeo Bottaro. È stato lo stesso primo cittadino a darne notizia sui social pubblicato la foto del portone in annerito e danneggiato. “Se qualcuno pensa di intimorirmi – scrive Bottaro sulla sua pagina Facebook – si sbaglia di grosso”. Il sindaco ha sporto denuncia e sull’accaduto indagano gli agenti di polizia.

EMILIANO: “FORZA E DETERMINAZIONE PER FARE L’AMMINISTRATORE”

“Ci vogliono davvero tanta forza e determinazione per affrontare da amministratore pubblico questi tempi – al sindaco Bottaro ho espresso la vicinanza mia e di tutta la Puglia per questo atto inqualificabile che si e’ verificato nella notte e che non puo’ essere in alcun modo giustificato”. Sono le parole del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano che ha telefonato ad Amedeo Bottaro per esprimergli solidarietà e vicinanza dopo l’intimidazione subita. Nella notte ignoti hanno dato fuoco al portone del condominio dove abita “un gesto che è avvenuto a poche ore dall’ordinanza anti assembramento emanata dal sindaco ai fini della prevenzione dell’epidemia”, precisa una nota della Regione

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»