Turchia, Gentiloni: “La Ue non accetterà uno scambio stato di diritto-migranti”

"La stretta di Erdogan è iniziata nel 2013, non 10 giorni fa", dice il ministro degli Esteri. E forse la porta che la Ue gli ha chiuso in faccia "potrebbe aver influito", aggiunge
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Gentiloni 207A1754

ROMA – “Non si tratta solo di una reintroduzione della pena di morte che è una linea rossa invalicabile per i rapporti tra Ue e Turchia. Ma anche le violazioni dello stato di diritto non sono accettabili e noi dobbiamo fare sentire la nostra pressione”. Lo dice il il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, in audizione al Senato davanti alle commissioni Esteri e Difesa riunite. “La situazione resta fluida, è presto per trarne conseguenze consolidate”, continua. “Sta alla Turchia decidere se proseguire il discorso con l’Europa, sapendo che noi non sacrificheremo nessun diritto fondamentale sul quale si base l’Europa e la nostra idea di stato di diritto. Non si può convivere con epurazioni, carceri e pena di morte“, anche se abbiamo da perderci in termini di migrazione.

erdogan“L’Italia- prosegue Gentiloni- è sempre stata in questi 10-12 anni sostenitrice di dialogo tra Turchia e Europa, con la convinzione che il percorso avrebbe potuto avere effetti positivi nei confronti della Turchia. A Bruxelles 7-8 anni fa la porta è stata chiusa e può darsi che questa chiusura abbia influito nella stretta che Erdogan ha attuato non da 10 giorni, ma dal 2013“. Forse, insiste, “se avessero ascoltato la nostra posizione, di Prodi e Berlusconi, l’evoluzione sarebbe stata diversa”. Un anno fa, conclude il ministro degli Esteri, quella porta è stata riaperta “ma sulla base di una spinta e interesse molto specifico legato alla pressione migratoria”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»